Valerie Grenier: Quando la flessibilità incontra le prestazioni

Mentre c’erano dubbi sul fatto che Valerie Grenier avrebbe mai superato le sue lesioni al ginocchio per competere alle Olimpiadi di Pechino, ora sono stati dissipati. Sabato la pattinatrice è stata protagonista dello slalom gigante di Coppa del Mondo di sci alpino a Kranjska Gora, in Slovenia, con il miglior risultato della sua carriera, piazzandosi quarta.

Allo stesso tempo, è arrivata settima in questa stagione per la seconda volta, permettendole di soddisfare i criteri di qualificazione per la squadra olimpica canadese per i Giochi di Pechino. In ottobre è arrivata settima ai Mondiali di Sölden.

“Mettere quarto nello slalom gigante è il mio miglior risultato ed è così vicino al podio. È davvero pazzesco per me! Non ho potuto allenarmi a lungo e non è stato facile, quindi non sapevo davvero cosa aspettarmi, ma il “tempismo” ha reso ancora di più la privacy e mi ha reso ancora più orgoglioso”, ha commentato Grenier in un’intervista a Sportcom.

L’atleta di Mont-Tremblant ha chiuso a soli sette millesimi dal podio. Ottava dopo la manche iniziale, ha segnato il terzo tempo nella seconda fiamma, spingendola in cima alla classifica.

La svedese Sarah Hector (2min 15.79sec) è stata la più veloce in entrambi i casi e ha preso il comando del podio. La francese Tessa Worley (+0.96sec) e l’italiana Marta Pacino (+1.32sec) sono finite nelle prime tre posizioni.

Michaela Tomei di Wakefield è arrivata 51esima e non è passata alla fase finale.

Il mese scorso, Grenier si è infortunata alle ginocchia durante un esercizio e ha colpito i plateau tibiali delle sue articolazioni. La pattinatrice ha seguito con attenzione il piano riabilitativo e, soprattutto, non ha pensato ai suoi pensieri negativi.

READ  La firma di Son Drogba in italiano D4 divide i fan

“Ho appena accettato che questo è quello che è successo e ho fatto le cose giuste mettendo il ghiaccio e la piccola macchina che aiuta con la guarigione delle ossa. Sono rimasto davvero positivo e non importa quello che è successo sono stato in grado di tornare al 100%. Ho sempre mantenuto la mia autostima”.

“Anche se le condizioni di gara sono molto dure, ho ancora un po’ di voce dentro di me che dice che posso ancora fare tutto e fare bene. Sì, sono sorpreso, ma avevo una ‘sensazione’ che potevo fare bene ed è bello vedere che funziona!”

L’evento riprenderà domenica, nella stessa location, con lo slalom femminile presentato. Lawrence Saint-Germain sarà il dodicesimo a partire dal primo turno.

You May Also Like

About the Author: Fina Lombardi

"Fanatico della cultura pop. Ninja zombi estremo. Scrittore professionista. Esperto di Internet."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *