Vaccini sui social media: la morte paga | Scienza | Notizie | il Sole

SSecondo la compilation dell’emittente NPR, tra il 1 gennaio e il 17 marzo 2021, all’incirca ogni due giorni, c’era “una storia su una persona morta dopo essere stata vaccinata”, che era tra gli articoli più popolari sui social media.

Al punto da introdurre distorsioni: il feed Facebook di un privato cittadino può effettivamente dare loro l’impressione che stia accadendo qualcosa di interessante.

NPR sta cogliendo l’opportunità per ricordare che, secondo dati recenti del Centro per il controllo delle malattie degli Stati Uniti, i fulmini hanno una probabilità tre volte maggiore di colpirci.

Questa aggregazione invoca una dimensione fondamentale della disinformazione: non è solo la disinformazione che conta, ma la sua diffusione e ripetizione. In questo caso, l’informazione iniziale potrebbe non essere completamente sbagliata: la persona è già morta poco dopo essere stata vaccinata. Tranne che non c’è conferma di un’associazione: milioni di persone muoiono ogni giorno in tutto il mondo (8.000 persone al giorno solo negli Stati Uniti), quindi in una campagna di vaccinazione su larga scala è statisticamente inevitabile che alcuni vaccini muoiano entro pochi giorni dall’iniezione .

Secondo questa compilazione, che è stata effettuata con i dati della società statunitense Newswhip, la “storia di vaccini più comune” sarebbe un articolo sul giornale. Florida Sun Sentinel, Preso da Chicago TribuneSu un medico morto poche settimane dopo aver ricevuto il vaccino. Sebbene l’articolo non dichiari esplicitamente alcun collegamento, ha gestito 5 milioni di interazioni su Facebook e Twitter.

È una caratteristica della mente umana, afferma il professore di scienze della comunicazione Dean Freelon: “concentrarsi su storie mozzafiato e rimuovere le statistiche più rappresentative”.

READ  Resident Alien su SYFY: Di cosa parla questa serie di fantascienza e umorismo? - Serie di notizie in TV

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *