Una giovane madre italiana incinta fatica a registrarsi alla RAMQ

Rachele Vizzoli, giovane madre di origine italiana incinta del secondo figlio, deve far fronte ai notevoli costi del parto in Quebec, mentre non è ancora assicurata dal Quebec Health Insurance Plan (RAMQ). ).

Anche se la signora Vizzoli ha ricevuto un certificato di residenza permanente, le è impossibile contattare la Régie d’assurance maladie du Québec (RAMQ) per fissare un appuntamento. A meno che il suo caso non venga finalizzato prima della consegna programmata a dicembre, deve affrontare una fattura di $ 20.000.

“È complicato comunicare con la RAMQ, ha lamentato il suo coniuge Rimouski Raphaël Tremblay. Devi svegliarti di notte cercando di ottenere un appuntamento. È estremamente difficile raggiungerli. Non possiamo più chiamarli come una volta”.

“Sono qui, in Canada, ma è come se non ci fossi”, ha denunciato la giovane madre. Durante il processo, non avevo residenza (permanente), né assicurazione. Ti senti inutile, non considerato”.

Quello che la famiglia si rammarica è che, ipotizzando la situazione opposta, se la madre fosse stata del Quebec e il padre italiano, non avrebbero dovuto fare tutti questi passi.

“Parlo spesso di discriminazione, cantava il giovane papà. Se fosse stato il contrario, non dovremmo preoccuparci di tutto questo”, ha aggiunto.

Di fronte all’onere amministrativo, la coppia ha pensato di tornare a vivere in Italia, anche se la signora Vizzoli si è ben integrata nella sua comunità.

“Dico spesso, se vuoi venire in Canada, assicurati di avere un orizzonte, perché è così complicato. Resta a casa!” ha scherzato il giovane immigrato.

You May Also Like

About the Author: Cosimo Fazio

"Evangelista di zombi. Pensatore. Creatore avido. Fanatico di Internet pluripremiato. Fanatico del web incurabile".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.