Un sequel fantascientifico sottovalutato pronto per essere riscoperto

Come si segue un capolavoro? Molti risponderebbero semplicemente con “Non lo fai”, ma il regista Peter Hyams era determinato a provare quando ha realizzato il sequel di 2001: Odissea nello spazio. Uno dei film più sottovalutati del 1984, secondo Den of Geek, 2010 (alias 2010: The Year We Make Contact) è il risultato dello sforzo di Hyams di dare seguito al classico. Molti hanno sofferto per la sua semplice presenza, 2010 non è un film particolarmente popolare tra gli appassionati di fantascienza.

Per la maggior parte della sua vita, il film è stato considerato un sequel indegno e inutile delle grandi opere di Stanley Kubrick, forse non del tutto ingiustamente. Per dirla senza mezzi termini, 2001: Odissea nello spazio è un mostro di fantascienza cerebrale unico nel suo genere che non potrà mai essere superato. Detto questo, solo perché l’originale è così venerabile non significa che il suo sequel sia del tutto privo di merito. Il 2010 del 2010, come entità separata dalla sua controparte in franchising, è un grande thriller di fantascienza. Ecco perché questa parte dimenticata e sottovalutata è matura per essere riscoperta.

Equipaggio eccellente

MGM/UA Entertainment Co.

Una delle migliori caratteristiche del 2010 è il suo cast stellare. In contrasto con l’equipaggio relativamente sconosciuto del 2001, il 2010 aumenta il potere delle star con Roy Scheider, John Lithgow e Bob Balaban. Il film presenta una delle migliori interpretazioni di Roy Scheider e presenta anche l’incredibile talento di Helen Mirren in un piccolo ruolo. Douglas Rain ritorna come voce di HAL 9000, infondendo al film lo stesso stoicismo digitale freddo e orribile che ha contribuito a rendere il primo film così doloroso. Un altro cast degno di nota include Kerr Doulia, che ritorna nei panni di Dave Bowman, il primo protagonista del film. Un piccolo cameo di Stanley Kubrick e Arthur C Clarke sul cast.

Uno dei migliori adattamenti di Arthur C Clarke

MGM/UA Entertainment Co.

Arthur C Clarke era un romanziere britannico noto per i classici della fantascienza come Childhood’s End, The Fountains of Paradise, Rendezvous with Rama e, naturalmente, 2001: A Space Odyssey. Conosciuto come il “profeta dell’era spaziale”, Clark ha scritto molti dei racconti di esplorazione spaziale più ingegnosi e stimolanti mai raccontati, e il suo lavoro ha ispirato registi per generazioni. Tuttavia, gli adattamenti diretti dei suoi libri sono molto meno rari dei progetti liberamente ispirati da essi, forse a causa della vastità delle sue storie che rendono difficile tradurle fedelmente al cinema.

Mentre il 2001 potrebbe essere stato il miglior adattamento del suo lavoro, il 2010 è senza dubbio lì come un altro trionfo per aver trasformato la fantascienza dal libro allo schermo. I romanzi dell’autore del 2001 continuano a ispirare adattamenti, incluso uno presumibilmente in fase di sviluppo da parte di Ridley Scott. Mentre è di nuovo discutibile che un sequel possa superare l’originale di Kubrick, si spera che un’altra aggiunta alla serie susciti un rinnovato interesse per l’incompreso Hyams del 2010.

Un nuovo approccio audace

MGM/UA Entertainment Co.

Un aspetto interessante del 2010 è il grande impegno che ha compiuto per differenziarsi dal suo predecessore. Il film ha molto in comune con l’originale, ma adotta anche un nuovo approccio in molti modi. Stilisticamente, Hyams ha chiaramente una visione molto diversa da quella di Kubrick. Mentre il film di Kubrick è molto illuminato e composto principalmente da ampie inquadrature, che gli conferiscono un’atmosfera fredda e libera, Hyams fa molto affidamento sulle ombre e sui primi piani. L’approccio di Hyams conferisce al film una qualità soffocante, che aumenta notevolmente la tensione complessiva. Mentre Kubrick preferisce fare domande senza dare risposte dirette, Hyams opta per una direzione più pragmatica, creando un thriller fantascientifico realistico con un sacco di drammi personali e molto mistero. Questo approccio ha comprensibilmente polarizzato pubblico e critica, ma la nuova direzione sta funzionando e si traduce in un film soddisfacente, anche se diverso.

In effetti, il nuovo approccio visto nel 2010 rispecchia ciò che il narratore ha scritto nella sua introduzione al suo libro 2061, in cui spiega che tutti i sequel del 2001 dovrebbero essere visti come nuove idee che non si svolgono necessariamente nello stesso identico universo. Allo stesso modo, il critico Roger Ebert ha notato nella sua recensione del 2010 che mentre lamentava la mancanza di ambiguità, “La verità deve essere detta: è un buon film. Una volta tracciate le nostre linee, una volta chiarito che 2001 è ancora abbastanza autonomo come uno dei più grandi film mai realizzati.” Assolutamente; una volta che il 2010 si è liberato dai paragoni con il capolavoro di Kubrick, ci è rimasta un’opera spaziale che è bella, tagliente, divertente ed eccitante.”

Un’epopea cosmica che rivaleggia con l’originale

MGM/UA Entertainment Co.

Mentre l’originale 2001: Odissea nello spazio di Kubrick è senza dubbio uno dei migliori film di fantascienza mai realizzati, il film di Hyams del 2010 è stato quasi altrettanto eccezionale, anche se molto diverso. Sfortunatamente, il sequel sarà sempre soggetto a confronti inevitabili e spesso sgradevoli con il suo predecessore piuttosto che essere preso per i propri meriti. Anche se potrebbe non essere mai stato annunciato come uno dei migliori sequel di fantascienza, 2010 merita di essere riscoperto e rivalutato come uno dei più grandi film di fantascienza “pensanti” del 20 ° secolo. La sua portata enorme e la storia avvincente di una vulnerabile missione russo-americana su Giove lo rendono un’emozionante corsa cosmica, e i suoi straordinari effetti speciali e le sue prestazioni davvero eccezionali lo rendono un classico senza tempo degno del pubblico mainstream. stai attento.

READ  Rilevamento di casi di lebbra negli scimpanzé

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.