Un pirata avverte che le barre DDR5 si surriscaldano

Ma per fortuna, niente è troppo difficile per gli iniziatori del segno.

DDR5 promette un buon aumento delle prestazioni rispetto a DDR4, ma Corsair avverte: i binari genereranno più calore. Pertanto, la presenza di un dissipatore di calore, che è sempre utile ma tutt’altro che necessario nella maggior parte dei moduli DDR3 e DDR4, sarà necessaria nei moduli DDR5 secondo l’azienda.

Questo è ciò che George McCris, marketing diretto per il ramo DIY di Corsair, sottolinea nel video qui sopra. Queste le sue parole: “Devi tenere conto del fatto che DDR5 porta a temperature operative molto più elevate rispetto a DDR4. La regolazione della tensione è stata trasferita dalla scheda madre stessa al modulo, che genera più calore [sur les modules] ». Fortunatamente, l’azienda ha una soluzione: la tecnologia Heat Xchange a doppio percorso aggiornata.

Un hacker pubblicizza i vantaggi di DDR5

I chip del regolatore di tensione vengono trasmessi dalla scheda madre al chipset

Infatti, come sottolineato da George McCriss, per DDR5, il nastro integra circuiti integrati di gestione dell’alimentazione (PMIC) e moduli regolatore di tensione (VRM); Tuttavia, fino ad ora, questi elementi erano presenti sulla scheda madre.

Questo design ha molti vantaggi. Migliora la regolazione della potenza a livello DIMM, la rende meno dipendente dalla scheda madre e mantiene l’integrità del segnale per prestazioni migliori. D’altra parte, l’altra faccia della medaglia, integrando PMIC e VRM direttamente sull’unità, modifica logicamente la zona che genera calore.

Niente di entusiasmante, i produttori rischiano semplicemente di dover adattare le loro soluzioni di raffreddamento a queste nuove restrizioni, il che potrebbe aumentare il conto. Adata dipende già da DDR5-12600. Moduli con una tensione di 1,6 volt; valore ufficiale Consigliato da JEDEC è 1.1V. Basti dire che a una tale tensione avresti bisogno di un dissipatore di calore in grado di mantenere freschi PMIC, VRM e chip di memoria. In ogni caso, non c’è dubbio che i test terranno conto di questi criteri.

READ  The Instagram leader says he's not happy with Reels yet and may "integrate" video formats

You May Also Like

About the Author: Adriano Marotta

"Pluripremiato studioso di zombi. Professionista di musica. Esperto di cibo. Piantagrane.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *