Un nuovo test della saliva renderebbe più semplice il rilevamento dell’endometriosi

Un nuovo test della saliva renderebbe più semplice il rilevamento dell’endometriosi

L'azienda francese Ziwig vuole lanciare quest'anno un test nel nostro Paese per determinare, mediante un semplice test della saliva, se le donne che soffrono di forti dolori mestruali hanno l'endometriosi. “Nel nostro Paese, una donna su dieci soffre di questa malattia”, spiega il professor Jasper Vergotts dell'Università di Hasselt, che è anche coordinatore del Centro di competenza sull'endometriosi presso l'ospedale GESA di Hasselt. “È più comune del diabete.”

L'endometriosi è una condizione cronica che può causare forti dolori mestruali e/o dolore durante i rapporti sessuali, la minzione e la defecazione. Attualmente, la malattia può essere rilevata solo attraverso metodi di test più invasivi come la risonanza magnetica o gli ultrasuoni.

“Tuttavia, né la risonanza magnetica né gli ultrasuoni sono in grado di rilevare tutti i polipi endometriali. Questi test non rilevano i polipi endometriali in un certo numero di donne. In alcune donne con disturbi gravi o problemi di fertilità, potrebbe quindi essere necessario un intervento chirurgico del buco della serratura.

Con il nuovo test, tutto ciò che serve è inviare un campione di saliva a un laboratorio per l'analisi. Il campione di saliva deve essere prelevato da un medico perché il test deve essere considerato in un contesto clinico.

Lo stesso Zeweg afferma che il test della saliva fornisce oltre il 95% di certezza nel rilevare l'endometriosi. Questi numeri sono messi in prospettiva dal professor Vergotts. “Il problema è che questo test non è ancora ben validato clinicamente. Lo studio ha esaminato le donne che avevano disturbi che suggerivano il cancro dell'endometrio, ma non sappiamo cosa significherebbe nella pratica. Ci sono un certo numero di punti interrogativi e punti interrogativi e chi «In pratica bisognerà sapere per chi sarà più opportuno il test».

READ  La zanzara tigre è tornata in zona: ecco come proteggersi ed evitare di essere invasi

Tuttavia, il professor Vergots stima che il tasso di rilevamento sia compreso tra il settanta e il novanta per cento. “Nella popolazione generale, ci saranno molti fattori che influenzeranno quel test e che forniranno sempre un quadro più errato, quindi ti ritroverai con una percentuale di certezza inferiore.”

Il test, che dovrebbe essere disponibile nel nostro Paese quest'anno, costerà 800 euro. Zweig Nel nostro Paese non è stato ancora richiesto alcun rimborso.

L'accesso a tutte le funzionalità è riservato agli operatori sanitari.

Se sei un operatore sanitario, devi effettuare il login o registrarti gratuitamente sul nostro sito per accedere a tutti i nostri contenuti.
Se sei un giornalista o vuoi farcelo sapere, scrivici a [email protected].

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *