Un impianto rivoluzionario per il trattamento del dolore cronico

Un team di ricercatori dell’Università di Cambridge ha sviluppato un impianto rivoluzionario per trattare il dolore attraverso la stimolazione elettrica del midollo spinale

Un team di ingegneri e medici ha sviluppato un dispositivo gonfiabile ultrasottile che può essere utilizzato per trattare anche il dolore più grave senza la necessità di un intervento chirurgico invasivo. Sviluppata presso l’Università di Cambridge, questa tecnologia combina tecnologie di robotica e microelettronica.

Sottile come un capello (60 micron, o 0,06 mm), il dispositivo può essere arrotolato su se stesso e inserito in un ago da impiantare nello spazio epidurale della colonna vertebrale (nello stesso punto in cui si trova). Iniettare un antidolorifico durante un determinato periodo di consegna).

senza chirurgia

Una volta posizionato, viene gonfiato con aria o acqua rilassandosi lungo l’asta. Quando sono collegati a un generatore di impulsi elettrico, i suoi elettrodi inviano una leggera corrente elettrica che interrompe il segnale del dolore.

Il dispositivo è molto sottile.

università di Cambridge

I ricercatori sperano di renderlo un’alternativa efficace ai farmaci per trattare vari tipi di forti dolori alla schiena o alle gambe. Può anche essere adattato per trattare alcuni tipi di paralisi o morbo di Parkinson.

Gli stimolatori del midollo spinale sono già utilizzati nelle persone con mal di schiena incurabile o dolore neuropatico (dopo un danno al sistema nervoso). Ma richiede interventi chirurgici estesi per essere efficace. Questo sarebbe facile da installare (con un ago) e molto efficace, secondo i primi risultati pubblicati sulla rivista Science Advances. Sito web dell’Università di Cambridge.

“È un trattamento di ultima istanza per coloro che soffrono così gravemente da impedire loro di vivere quotidianamente”, ha affermato il dottor Damiano Baron del Dipartimento di Neuroscienze Cliniche di Cambridge, uno degli autori dello studio.

I ricercatori hanno iniziato a testare la loro soluzione su cadaveri umani (di persone che hanno donato i loro corpi alla scienza). Sperano di poterlo testare sui pazienti entro due o tre anni.

READ  Non ti piacciono gli abbracci? Scopri perché secondo la scienza

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.