UEFA Champions League – Napoli – Ajax Amsterdam: a Napoli, dietro le quinte un inizio di stagione pazzesco

E penso che l’Ajax abbia giocato bene. Poche ore prima della scossa contro il Napoli di martedì, il club olandese ha deciso di rendere omaggio alle leggende dei due club: Diego Maradona e Johan Cruyff. In una grafica postata sui social, possiamo vedere l’argentino e l’olandese rappresentati fianco a fianco davanti a una televisione che trasmette la Champions League dall’estero. Un bellissimo omaggio non ha placato la calma dell’uragano napoletano che ha preso d’assalto la Johan Cruyff Arena. Una sera, Luciano Spalletti ha disperso la rosa di Alfred Schroeder, che ha subito la più grande sconfitta (1-6) dal novembre 1964 e una battuta d’arresto contro il Feyenoord (9-4) a Eurodevisie. Dare un’idea della prestazione dei Partenobi, che nelle prime tre giornate di C1 hanno segnato un totale di 10 gol, è stato inaudito per il club italiano. Tutti contro Liverpool (4-1), Rangers (0-3) e quindi Ajax. Non proprio i primi arrivati.

In Italia l’imperativo è lo stesso. In nove giorni il bilancio segna sette vittorie e due pareggi, un posto per il leader individuale e già otto punti dietro una squadra come l’Inter (settimo) o dieci punti sulla Juventus (nono). Divario davvero enorme. Ma a Napoli, città che generalmente vive al ritmo delle sue emozioni, cerchiamo di tenere i piedi per terra il meglio che possiamo. Come ? Prendi, ad esempio, l’inizio della scorsa stagione, che è stata scandita da otto vittorie consecutive in campionato. Luciano Spalletti è noto anche per aver sempre iniziato con il botto prima di perdere una corda durante la stagione. Tuttavia, la sua squadra, al momento, impressiona tutta l’Europa. Quasi nessuno avrebbe potuto immaginarlo la scorsa estate.

Un periodo di transizioni critiche, e poi…

Delusi dalla conclusione del precedente esercizio, però hanno concluso con il terzo posto Dopo che il sogno scudetto è svanito, il popolo napoletano ha visto partire molti dei suoi amministratori delegati. Da Dries Mertens a Lorenzo Insigne (270 gol in totale), da David Ospina a Kalidou Kolibaly passando per Fabian Ruiz… Aurelio De Laurentiis, presidente, e Cristiano Giuntoli, direttore sportivo, hanno subito un torrente di critiche, accusato di mancanza di ambizione . E smantellare l’intera squadra. Proprio nei loro panni, hanno svolto i loro affari senza un sussulto. Prima di affrettarsi a reclutare Kim Min-jae (Fenerbahçe), Giacomo Raspadori (Sassuolo), Giovanni Simeone (Hellas Verona) o anche Tanguy Ndombélé (Tottenham), senza dimenticare di trasferirsi all’inizio dell’estate di Khvicha Kvaratshelia, inizio di la stagione in Italia, e la cattura di Frank Zampo Anguisa, il centrocampista al fianco del più sorprendente Stanislav Lobotka e dell’irresistibile Pyotr Zelensky.

Dietro queste scelte strategiche estive, una politica chiara e dichiarata. “Ridurre i nostri stipendi ed entrare in un circolo virtuoso, un progetto più economico ma con più idee“, ha annunciato Aurelio De Laurentiis a luglio. La missione è riuscita se osserviamo più da vicino i numeri, che sono stati svelati dalle colonne del quotidiano El Matino fine di agosto. Quella che segue è l’evoluzione della scala salariale del club dal 2016:

  • Stagione 2016-2017: 74 milioni
  • Stagione 2017-2018: 79 d.C
  • Stagione 2018-2019: 21:00
  • Stagione 2019-2020: 21:00
  • Stagione 2020-2021: 105 d.C
  • Stagione 2021-2022: 110
  • Stagione 2022-2023: 19:00

Chiesto Corriere dello Sport Il 9 settembre Cristiano Giuntoli ha colto l’occasione per confrontare gli stipendi di Lorenzo Insigne, partito per il Canada insieme a Toronto, al quale è succeduto Khiva Kvaratskellia. “Guadagna uno stipendio netto di 1,2 milioni, o 1,7 in totale. Badge, il patrimonio netto era di 4,5 milioni e 9 lordi‘, ha confidato al quotidiano Transalpine, che simboleggia il ruolo che il Napoli ha assunto quest’estate.Il Milan ha vinto lo scudetto con uno stipendio che è di 40 milioni di euro in meno del nostro”. Nel frattempo chiamato “ADL”.

READ  A Polzac . sono stati allestiti una palestra e un ristorante

Spalletti, controllo spogliatoio più omogeneo

A quanto pare Luciano Spalletti, che è stato consultato dai suoi dirigenti su questo “nuovo” progetto, si è affrettato a dare la sua approvazione. Anche se lo ha assicuratovoluto tenerlo Mertens, lasciato alla fine del decennioDopo aver rifiutato un’offerta del club“, il tecnico toscano non è stato dispiaciuto di trovare uno spogliatoio senza veri leader, il che comporta dover gestire un certo numero di personalità, stati d’animo e vanità. Gli piace controllare il suo gruppo. Nel recente passato molti esempi puntano in questo Durante la sua seconda trasferta alla Roma, la storia non è finita bene con Francesco Totti, capitano e leggenda del club ed è stato rinviato al ritiro.Inter, quando ha deciso d’accordo con la sua dirigenza di licenziare Mauro Icardi dalla guida in di fronte a certe affermazioni del suo entourage.

Luciano Spalletti

Credito: Getty Images

Uomini deboli, destini deboli. Uomini forti, destini forti. Non ci sono altre usciteQuesto è il motto del Certaldo, che ancora sogna di vincere il suo primo “tre colori” dopo averlo toccato più volte in carriera. Il suo carattere e la sua personalità possono dividere, certo, ma le sue squadre hanno sempre avuto quella capacità. calcio divertente. Ha anche la capacità di migliorare sempre i suoi giocatori. Nonostante sia stato capovolto, le sue undici partite oggi si giocano con un’automazione quasi incredibile. Il Napoli è attualmente un treno ad alta velocità che nessuno deve ancora fermare, e tutti i nuovi arrivati hanno fatto dimenticare coloro che preferivano scendere.

Kim Min Jae ha perfettamente compensato Kalidou Koulibaly, Giacomo Raspadori (4 gol) e Giovanni Simeone (3 gol) per l’assenza di Victor Osimhen (infortunato), lasciando a bocca aperta Khvisha Kvaratskellia (6 gol). Alla sua partenza ad agosto, Alex Merritt è riuscito a impressionare il portiere nonostante le voci sull’arrivo di Keylor Navas, che alla fine è stato sventato. Ha anche prolungato il suo contratto la scorsa settimana.

Voglio pagare il mio biglietto!

D’altra parte delle Alpi, tutti gli osservatori ricevono ottime recensioni con l’FC Napoli, il cui stile di gioco, gol e vittoria ispira. Martedì scorso, mentre commentava la partita di Sky Italia, il famoso giornalista Fabio Caressa si è messo a urlare nel momento in cui Giacomo Raspadori ha segnato il quarto gol: “Voglio pagare anche io il biglietto ! “.”Questa squadra è impressionante e gioca una partita eccezionale”, ha dichiarato al seguito dell’amico Giuseppe Bergomi, ex grande difensore del Calcio.

Con tredici gol, il Napoli è considerato il miglior attacco della prima metà della fase a gironi, davanti a Manchester City (11) e Bayern Monaco (9). È anche la squadra con il maggior numero di tiri in porta (69 gol), davanti a City (66) e Liverpool (63), secondo la UEFA.

Ho visto Napoli-Ajax e mi è piaciutoLo ha ammesso a Sky Italia il vicepresidente della Juventus Pavel Nedved. Hanno fatto una grande partita. Quello che mi ha colpito di più è il modo in cui giocano. “Non mi aspettavo che fossero a questo livelloha osservato Kalidou Koulibaly, ora al Chelsea. Suonano bene e sono felice per loro. Non hanno più bisogno di me e questo mi rende felice (…) Non dirò niente per il resto della stagione, perché so che a Napoli sono tutti scaramanti.E abbiamo quasi esitato a scrivere che la loro squadra potrebbe qualificarsi per gli ottavi di finale di C1 mercoledì sera…

Champions League

1-6: Il Napoli disperde l’Ajax ad Amsterdam

04/10/2022 alle 21:12

Champions League

Tra Ajax e Napoli, l’eredità divina di Cruyff e Maradona

03/10/2022 alle 22:00

You May Also Like

About the Author: Fina Lombardi

"Fanatico della cultura pop. Ninja zombi estremo. Scrittore professionista. Esperto di Internet".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.