Ucraina: Berlino mette in dubbio l’unità dell’Unione Europea contro la Russia

Inserito il 23 gennaio 2022, 18:38

Il capo della diplomazia statunitense, Anthony Blinken, si è sentito in dovere di sottolineare, questa domenica, che “non ha dubbi” sulla determinazione della Germania ad affrontare la Russia. E il fatto che debba essere confermato seriamente, significa che sorgono interrogativi sul posto di Berlino nel fascicolo ucraino.

“Posso dirvi che i tedeschi condividono pienamente le nostre preoccupazioni e sono determinati a rispondere in modo rapido, efficace e presentando un fronte unito”, ha annunciato lunedì il segretario di Stato americano, che dovrebbe condividere le cose in modo virtuale, con l’UE ministri.

Alla vigilia di questo importante incontro, in un momento in cui le minacce russe all’Ucraina diventavano sempre più pesanti, un incidente diplomatico scatenato dalle dichiarazioni di un alto grado tedesco ha messo in imbarazzo il governo di Olaf Schulz che, da quando è salito al potere, ha lottato per convincere la sua coesione con Mosca.

Il capo della Marina si dimette

Definendo “incompetente” l’idea che la Russia possa invadere l’Ucraina e dicendo che Vladimir Putin “probabilmente merita” rispetto, il capo della marina tedesca ha scatenato una protesta ed è stato costretto a dimettersi sabato. Questo episodio arriva in un momento in cui Kiev è già allarmata dal continuo rifiuto di Berlino di consegnare le armi. Gli Stati Uniti, il Regno Unito e gli stati baltici hanno già annunciato spedizioni di equipaggiamenti militari e missili.

Gli analisti della diplomazia tedesca, da quando a dicembre hanno assunto il governo tripartito guidato da Olaf Schulz, hanno notato marcate differenze di tono tra i suoi termini. Se la scorsa settimana il segretario di Stato (verde) Annalena Barbock ha affermato che il suo paese farebbe “tutto per garantire la sicurezza dell’Ucraina”, il cancelliere socialdemocratico si è finora dimostrato più conservatore.

READ  In Italia un imbarazzante caso di spionaggio per Mosca

Illegalità all’interno della coalizione

Da dicembre “regna la confusione su chi sta ora definendo la direzione della politica nei confronti della Russia: la Cancelleria guidata dai socialdemocratici o il ministero degli Esteri guidato dai Verdi”, osserva in una nota pubblicata la scorsa settimana dall’ECFR (Consiglio europeo per le relazioni internazionali). .

Lo stesso campo socialdemocratico è diviso sull’opportunità di includere nel gioco delle sanzioni che verrebbero imposte a Mosca in caso di aggressione ucraina il gasdotto Nord Stream 2, che collega direttamente la Russia alla Germania attraverso il Mar Baltico.

A metà gennaio, il ministro della Difesa dell’SPD ha ritenuto che la decisione di gestire questo gasdotto che collega Russia e Germania dovrebbe rimanere al di fuori del fascicolo ucraino. “La procrastinazione dei tedeschi è un pericolo per la strategia dell’Occidente”, preoccupa il settimanale Der Spiegel.

L’eredità di Angela Merkel

Angela Merkel, durante i suoi sedici anni al potere, ha cercato di mantenere il legame con la Russia separando le differenze geopolitiche dagli interessi economici. La costruzione del gasdotto Nord Stream 2 ha isolato i paesi dell’ex blocco sovietico che ora sono membri dell’Unione Europea.

La Germania “ha visto le azioni del Cremlino in modo deciso ma in gran parte passiva negli ultimi tre decenni”, lamentato in una lettera aperta pubblicata questo mese dal settimanale “Die Zeit” settantatré esperti di politica di sicurezza.

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.