Turchia, Grecia, Italia… Come si spiegano i violenti incendi che stanno devastando l’Europa meridionale?

Diverse centinaia di vigili del fuoco e soldati erano ancora mobilitati per contenere le centinaia di abitazioni che erano state identificate.

La situazione nell’Europa meridionale è catastrofica. Da diversi giorni, vari violenti incendi hanno divampato vaste aree di diversi paesi. E in Grecia, in fondo, ancora centinaia di vigili del fuoco si sono mobilitati giovedì per contenere il grave disastro che nelle ultime ore si è abbattuto alle porte di Atene.

Fiamme alle porte di Atene

Grandi forze furono schierate vicino all’antico villaggio di Olimpia per proteggere il sito archeologico dove si tennero i primi Giochi Olimpici nell’antichità, a ovest della penisola del Peloponneso.

Forze simili sono state dispiegate sull’immensa isola di Eboia, a circa 200 chilometri a est di Atene, dove è stata teatro di un violento e incontrollato incendio divampato martedì in una zona montuosa e boscosa prosciugata dalle temperature. .

Secondo stime preliminari, centinaia di case sono state bruciate e oltre 25.000 ettari di pineta. Circa 90 persone sono state evacuate via mare mercoledì da Rovis Beach, nel nord-ovest dell’isola, dalla guardia costiera greca.

La Grecia sta affrontando, da una settimana, decine di incendi sotto l’influenza della “peggiore ondata di caldo” in più di trent’anni, secondo il suo primo ministro Kyriakos Mitsotakis, con temperature che oscillano tra i 40 ei 45 gradi Celsius. I vigili del fuoco francesi arriveranno nelle prossime ore per aiutare i vigili del fuoco greci.

In Turchia minacciata una centrale termica

Sempre giovedì, i soccorsi in Turchia sono iniziati giovedì per evacuare centinaia di abitanti del villaggio via mare mentre un violento incendio si è pericolosamente avvicinato a una centrale termica che immagazzina migliaia di tonnellate di carbone.

READ  Italia: un giovane si fa tatuare la salute sul braccio

Sentendo gli avvisi di evacuazione, i residenti hanno raccolto gli scarsi oggetti che erano riusciti a salvare dalle loro case sui motoscafi della Guardia Costiera ammassati a Oren Harbour, vicino alla città di Milas, vicino alla quale si trova la centrale elettrica.

Le autorità locali hanno confermato che i serbatoi di idrogeno utilizzati per raffreddare l’impianto, alimentati e alimentati a carbone, sono stati svuotati e riempiti d’acqua per precauzione.

Evacuazioni in Albania

Un uomo di 64 anni è stato ucciso in un incendio boschivo martedì nel distretto meridionale di Gjirokastral, mentre centinaia di vigili del fuoco e soldati hanno combattuto dozzine di incendi, ha detto la polizia in Albania, un paese vicino alla Grecia.

Le autorità hanno ordinato l’evacuazione di tre villaggi nell’area di questa città, i cui dintorni sono stati distrutti dagli incendi per due giorni. Il Paese sta affrontando temperature torride da una settimana.

Un centinaio di chilometri a nord-ovest, circa 500 soldati e vigili del fuoco, sostenuti da tre elicotteri lanciati dall’acqua, stanno combattendo da due giorni contro gli incendi nella città costiera di Valona, ​​secondo il ministero della Difesa.

Riscaldamento globale e ondata di caldo

Senza una vera sorpresa, la colpa di questi incendi è del riscaldamento globale del pianeta e dell’intensa ondata di caldo che colpisce questi paesi. Come spiega il meteorologo Cloud Seshet in pennacchi parigino“A causa del riscaldamento globale, il calore che sale dal deserto sta diventando più intenso”.

“A causa dell’aria fresca che aleggia sull’Europa occidentale e per l’impatto delle navi conduttrici, l’aria calda proveniente dal deserto si alza e tocca l’Italia, la Grecia, la Turchia o l’Albania”, aggiunge. Un’ondata di caldo.

E i numeri parlano da soli. Secondo il sito canale meteoIl 3 agosto la temperatura in Grecia era sopra i 47 gradi, mentre il record di 48 gradi nel continente potrebbe essere minacciato nelle prossime ore. Al momento, diverse migliaia di ettari di vegetazione si sono già ridotti in cenere.

READ  La fiducia delle imprese è leggermente aumentata a gennaio

La parte attribuibile all’uomo di questa catastrofe umana e ambientale è stata confermata dal ministro italiano per la transizione ambientale Roberto Cingolani, il quale ha riferito che il 70% dei numerosi incendi che colpiscono l’Italia sono causati dall’uomo, intenzionalmente o meno, aiutato in piccola parte dal clima Cambia. Anche l’Italia è stata colpita da violenti incendi a luglio.

Sempre giovedì, i vigili del fuoco hanno combattuto contro gli incendi in Sicilia, mentre i sindaci della regione di Matera, dove da mercoledì brucia una discarica, hanno invitato i locali a rimanere in casa tenendo le finestre chiuse.

UE in soccorso

Di fronte a questa tragica situazione, la Commissione europea ha annunciato mercoledì che invierà aerei, elicotteri e vigili del fuoco in Italia, Grecia, Albania e Macedonia del Nord per aiutare questi paesi a combattere gli incendi.

Due aerei Canadair, dalla Francia, sono stati spediti nelle aree colpite in Italia, dettagli dell’esecutivo europeo in un comunicato stampa.

Ha aggiunto che due aerei antincendio da Cipro stanno fornendo supporto alla Grecia, oltre a una squadra di vigili del fuoco incaricata di supportare le operazioni a terra.

Questa assistenza è mobilitata nell’ambito del meccanismo di protezione civile dell’UE e la Commissione copre almeno il 75% dei costi relativi al trasporto.

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *