Sylvie Babou Timon, ministro degli Esteri CAR: “La CAR non è un Paese debole”

Durante il Forum Diplomatico di Antalya dall’11 al 13 marzo, il Ministro degli Affari Esteri della Repubblica, Sylvie Papu Timon, ha affermato che “La Repubblica Centrafricana non è un Paese debole. È un Paese debole. È un Paese che ha potenziale e può mostrare anche al mondo che ha enormi capacità”.

La Repubblica Centrafricana ha vissuto una guerra civile durata quasi un decennio. Ha sottolineato che la Repubblica Centrafricana oggi ha bisogno di partner affidabili per ricostruirsi dal suo enorme potenziale. L’agricoltura è una zona molto ricca perché è un paese vasto, scarsamente popolato, completamente incontaminato e deve essere edificato. C’è un clima molto favorevole per le diverse culture.

Ci sono anche prodotti formati come petrolio, uranio, ecc., oltre a risorse tanto necessarie, incluso il litio, ad esempio cobalto, cotone e coltan. Il ministro ha indicato che ci sono priorità in termini di energia, infrastrutture, ricostruzione di strade e infrastrutture, nonché istruzione e salute.

“Abbiamo bisogno di aziende in grado di offrire lavoro ai giovani in modo che capiscano che ci sono altri modi per guadagnarsi da vivere oltre a prendere le armi o essere manipolatori”, ha aggiunto. Ankara su invito del suo omologo turco Mevlut Cavusoglu.

La visita ha portato alla formalizzazione del quadro giuridico. Ciò rappresenta l’impegno dei due paesi a facilitare la loro cooperazione bilaterale. Il primo incontro tra i due ministri si è tenuto nel giugno 2021 a Roma, in Italia, nell’ambito della riunione della coalizione internazionale contro l’ISIS. Sylvie Babu-Timon ha concluso che le relazioni tra la Turchia e la Repubblica Centrafricana si sono sviluppate in modo significativo da allora e, durante il forum, il Ministro ha osservato che il suo Paese sta uscendo da una fase di crisi sociale che ha profondamente colpito il tessuto sociale in termini di coesione.

READ  L'ACS spagnola offre tra i 9 ei 10 miliardi di euro per l'acquisto delle autostrade italiane

Ora, la società e il potere dell’Africa centrale stanno mostrando un nuovo volto e stanno iniziando ad aprirsi al mondo intero. Secondo il funzionario, lo Stato merita sostegno nel suo desiderio di sviluppo in modo che non coesista con queste crisi e raggiunga una forte crescita economica.

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.