Svizzera, Italia, Francia …: come questi paesi pensano al declino

UNquando la situazione sanitaria in alcuni paesi si preoccupa, i capi di Stato annunciano un rilassamento. Tra questi paesi, Francia, Svizzera e Italia. Scopri cosa stanno pianificando questi paesi nelle prossime settimane.

Francia

Emmanuel Macron ha detto giovedì sera a una quindicina di sindaci che intendeva ancora riaprire musei e terrazze da metà maggio, prima di continuare una riapertura graduale, a tappe “ogni tre settimane se tutto va bene”, hanno detto all’Afp diversi partecipanti a questa videoconferenza.

Il capo dello Stato ha anche confermato che le scuole riapriranno nelle date previste (26 aprile per le scuole e 3 maggio per college e licei), date secondo lui “scolpite nella pietra”, ha detto un sindaco. L’Eliseo non ha commentato questi commenti riportati.

Il capo dello Stato “è stato molto fermo sulla riapertura delle scuole”, ha riferito ad AFP Marie-Claude Jarrot, sindaco di DVD di Montceau-les-Mines (Saône-et-Loire).

Emmanuel Macron, che ha poi riunito una dozzina di ministri in videoconferenza, non si è, secondo lei, “non impegnata per la data di metà maggio per la riapertura dei luoghi culturali” ma ha ribadito che “la priorità erano musei e terrazze”.

Il presidente della Repubblica ha suggerito che queste riaperture potrebbero essere “territorializzate” a seconda delle situazioni sanitarie nelle diverse regioni, “per non ricalcare il declino del maggio scorso”, secondo diversi sindaci.

Nessuna data è stata data precisamente per la riapertura dei ristoranti, che avverrebbe come secondo step.

Il presidente “era convinto dalla sua strategia ma cauto sul deconfinement”, ha detto all’Afp il sindaco del DVD di Cognac (Charente) Morgan Berger, confermando la traccia di una “riapertura che sarebbe graduale, per fasi di due-tre settimane” e “forse per territorio “

Il portavoce del governo Gabriel Attal ha confermato a Les Echos che “alcuni luoghi culturali e alcune terrazze riapriranno a metà maggio”. “Questa è la scadenza su cui stiamo lavorando”, ha ripetuto, sperando in un calo della pressione sull’ospedale “forse già dalla prossima settimana”, mentre la Francia ha varcato la soglia dei 100mila morti giovedì.

READ  Cagliari-Inter 1-3: reti di Sottil, Barella, D'Ambrosio e Lukaku

“Il presidente ha fissato una rotta: alcuni luoghi culturali e alcune terrazze riapriranno a metà maggio. Successivamente, l’aumento del numero di persone vaccinate ci permetterà di riaprirle gradualmente. Useremo criteri razionali e di buon senso, distinguendo tra luoghi all’aperto e interni, quelli in cui cammini o meno, quelli in cui è necessario rimuovere la maschera ”, ha spiegato.

Per quanto riguarda le scuole, “per alcuni il rientro in classe potrebbe avvenire in semigruppi” con più test salivari nelle scuole delle regioni più colpite dall’epidemia, ha proseguito Gabriel Attal. Lì possono essere offerti anche autotest.

Italia

L’Italia dovrebbe iniziare la riapertura di ristoranti e scuole da lunedì 26 aprile, ha annunciato venerdì il capo del governo Mario Draghi.

Esprimendo “cauto ottimismo”, Draghi ha indicato che il suo governo ha deciso di assumersi “un rischio calcolato” e di classificare le regioni italiane con dati sanitari soddisfacenti nella zona gialla (rischio moderato), dove le restrizioni sono le minori. rigoroso.

“Sarà data priorità alle attività outdoor”, ha detto Draghi, senza citare specificatamente bar e ristoranti con tavoli all’aperto, ma che sono implicitamente inclusi in questa categoria.

“Tutte le scuole riapriranno faccia a faccia nelle zone gialle e arancioni (rischio medio, ndr)”, ha aggiunto.

Il progetto di graduale riapertura si basa su due pilastri: mantenere i gesti di barriera in tutte le circostanze (allontanamento sociale e indossare una maschera) e l’avvio della campagna di vaccinazione.

“La probabilità che si sia obbligati a tornare indietro è molto bassa se si rispettano le regole di comportamento”, ha stimato Draghi, interrogato per sapere se fosse ipotizzabile annullare queste aperture.

Draghi ha anche indicato che ora sarebbe possibile viaggiare tra due regioni classificate come + giallo +.

READ  Laporta rivuole il Barça: "Nel 2006 l'Inter ha respinto 250 milioni per Messi" | notizia

La decisione del governo rappresenta una piccola accelerazione, mentre in un precedente Consiglio dei Ministri di fine marzo aveva deciso di cancellare qualsiasi zona gialla in Italia fino al 30 aprile, a prescindere dalla situazione epidemiologica prevalente nelle varie regioni.

Il ministro della Salute Roberto Speranza, da parte sua, ha precisato che il governo ha in programma, ad esempio, di riaprire le piscine all’aperto dal 15 maggio, la palestra e le sale bodybuilding dal 1 giugno o l’organizzazione di fiere e mostre. professionisti dal 1 luglio.

L’Italia, il primo Paese colpito in maniera massiccia dalla pandemia di coronavirus in Europa nel febbraio 2020, ha registrato oltre 115mila morti.

Suisse

Nonostante una brutta situazione epidemiologica, la Svizzera riaprirà lunedì i suoi ristoranti all’aperto, i cinema e i palazzetti dello sport, a differenza di quanto sta accadendo in gran parte dell’Europa.

“Da lunedì 19 aprile, con alcune limitazioni, sarà nuovamente possibile organizzare eventi aperti al pubblico, ad esempio negli stadi, nei cinema o nelle sale da concerto e nei teatri. Saranno nuovamente consentite anche le attività sportive e culturali al coperto, comprese alcune competizioni. Finalmente i ristoranti potranno riaprire le loro terrazze ”, ha detto il Consiglio federale in un comunicato stampa.

Tuttavia, il governo federale riconosce che “la situazione epidemiologica rimane fragile ed è addirittura peggiorata nelle ultime settimane” e che è troppo presto per misurare l’impatto delle vacanze di Pasqua sulla dinamica della pandemia nel Paese alpino.

Allora perché aprire? Alain Berset, assessore federale alla Sanità ha reso un vibrante omaggio alla popolazione, ritenendo che grazie al comportamento responsabile della maggioranza degli svizzeri fosse stato possibile allentare progressivamente le restrizioni imposte a febbraio a fronte di una situazione che deteriorato bruscamente.

READ  Psg-Istanbul Basaksehir, partita sospesa per condanna razzista del quarto uomo. Le squadre lasciano il campo - Corriere.it

Belgio

Mercoledì il comitato consultivo ha aperto le prospettive di riapertura della società, ma i leader politici hanno accompagnato questa apertura con un appello alla responsabilità per non comprometterle. Il tasso di occupazione degli ospedali e in particolare dei reparti di terapia intensiva rimane un criterio essenziale di fronte a un virus più contagioso e più aggressivo rispetto alla prima ondata.

Come previsto, il 19 aprile si potranno riprendere le lezioni nelle scuole del regime in vigore prima delle vacanze di Pasqua, 100% faccia a faccia in Nido d’infanzia, primaria, secondaria speciale e secondaria di primo grado e 50% in seconda. e terzo grado di secondaria. Un recupero completo del 100% sarà valutato il 3 maggio nel comitato di consultazione. Nell’istruzione superiore, il faccia a faccia sarà la regola fino a un giorno alla settimana.

Il divieto di viaggi non essenziali all’interno dell’Unione europea terminerà il 19 aprile. Tuttavia, rimane in vigore un avviso di viaggio negativo. I viaggiatori dovranno sottoporsi a test e quarantena al loro ritorno e la polizia potrà monitorare e sanzionare il mancato rispetto di questi obblighi.

Il 26 aprile è la seconda data di allentamento. La pausa pasquale decretata il 24 marzo si concluderà e le imprese non essenziali così come le professioni di contatto potranno riprendere le loro attività. Sarà nuovamente consentito il raduno di un massimo di 10 persone all’aperto. Saranno realizzati una trentina di sperimentazioni e progetti pilota per garantire il riavvio di alcuni settori, in particolare la cultura, lo sport e gli eventi.

You May Also Like

About the Author: Cosimo Fazio

"Evangelista di zombi. Pensatore. Creatore avido. Fanatico di Internet pluripremiato. Fanatico del web incurabile."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *