Stazione di guardia di frontiera tunisina per l’Europa

Queste pratiche di polizia fanno parte di un approccio di sicurezza per combattere la migrazione irregolare, ha spiegato a Ramadan Benomar Nawaat, responsabile delle comunicazioni presso il Forum tunisino per i diritti economici e sociali (FTDES). Questo aumento della sorveglianza della polizia arriva sulla scia dei tentativi di lasciare Kerkennah e soprattutto dopo la tragedia della barca dei migranti nel 2017 e nel 2018. Anche l’Italia lo richiede. Così, il recente licenziamento del governatore di Sfax risponde alle pressioni italiane perché questo funzionario è accusato di gestione lassista della questione immigrazione. E aggiunge: “Invece di attaccare le reti che collaborano con gli uomini della sicurezza per facilitare la partenza dei migranti, lo Stato attacca l’anello debole, in questo caso i cittadini”, critica.

È interessante notare che accordi bilaterali segreti per combattere l’immigrazione illegale sono stati conclusi tra la Tunisia e l’Italia dopo ripetute visite dei ministri dell’Interno e degli Esteri italiani nel luglio e nell’agosto 2020.

Hashem M. , 30 anni, a sua madre Kerkenya è stato impedito di unirsi alla sua famiglia. Nel 2017 un agente lo ha fermato al porto chiedendogli la tessera nazionale. Poi l’agente mi ha chiesto quanto avrei pagato per il progetto di immigrazione. Gli ho spiegato che non avevo intenzione di lasciare il paese e che avevo una famiglia lì. Invano, disse a Kernel. Il giovane è stato trascinato in questura e sottoposto a vessazioni da parte della polizia che sono durate per circa due ore. Alla fine, gli agenti hanno chiesto a un membro della sua famiglia residente a Kerkennah di venire a fornire garanzie scritte per il suo ingresso nelle isole.

READ  Campionato italiano di calcio: una vittoria preziosa per la Fiorentina

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *