Sei residenti di Neuchâtel sono stati premiati al Concorso nazionale per la scienza e la gioventù

Il finalista del National Youth Science and Science Competition è il lavoro di sei residenti di Neuchâtel. Gli studenti del Lycée Denis-de-Rougemont hanno lavorato in varie materie come letteratura, biochimica o geografia.

Tiffany Gunther ha messo in dubbio le antiche origini del demone Pullman, un concetto chiave dell’autore britannico Philip Pullman. Nathan Felber era interessato alla resistenza agli antibiotici.

In biologia, Elisa Bernardi si è concentrata sui geni del caribù, il gene Kasser sulla contaminazione da neonicotinoidi e l’acetilcisteina sulla statura dello zoccolo dell’orchidea di Venere. Infine, Alicia Duvanel analizza l’obiettivo di neutralità del carbonio della Svizzera per il 2050.

Leggi anche: A La Chaux-de-Fonds, le mucche e la scienza riscalderanno presto mille comodi nidi

Il concorso ha premiato più di 107 giovani ricercatori. Otto di loro hanno vinto premi speciali che consentiranno loro di rappresentare la Svizzera in eventi scientifici in Europa, Asia e Stati Uniti.

Vista la situazione sanitaria, la 55a edizione del concorso è stata completamente virtuale. Caffè virtuali, sfide sui social media e scatole a sorpresa hanno contribuito a rivitalizzare l’azione.

leggi di più: Sito web della Science and Youth Foundation

Una mostra virtuale completa può essere visitata sul sito web della Youth Science Foundation.

READ  Scienze. I Neanderthal possono ascoltare e parlare proprio come noi

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *