Scienze. Cosa possono insegnarci i topi sulla nostra salute mentale

I topi dell’Università di Richmond hanno abbagliato il mondo nel 2019 con la loro capacità di guidare auto in miniatura. Ora fanno parte di un progetto pilota che esplora come l’arricchimento ambientale modella il cervello e potrebbe eventualmente aiutare a risolvere i problemi di salute mentale umana.

“Attira l’attenzione delle persone sull’intelligenza e la capacità di imparare da questi animali”, afferma Kelly Lambert, direttrice del Laboratorio di neuroscienze comportamentali dell’università. Uno dei più grandi fallimenti della medicina moderna, per Kelly Lambert, è la sua incapacità di curare queste malattie mentali con l’aiuto di farmaci, anche se le aziende farmaceutiche stanno facendo soldi nel campo.

Questi approcci farmacologici sono sempre più in discussione, dopo che a luglio è stato pubblicato un importante studio che metteva in dubbio la teoria secondo cui gli squilibri chimici, in particolare la mancanza di serotonina, causerebbero la depressione. Invece, Kelly Lambert vede la terapia comportamentale come la chiave per curare la mente, da qui lo studio dei piccoli mammiferi.

“Lavoratori” e “Antecedenti”

“Il nostro cervello cambia dall’utero alla tomba”, dice, spiegando che una vita attiva può influenzare la probabilità di depressione. In un precedente esperimento, ha diviso un gruppo di topi in “lavoratori”, che hanno dovuto fare uno sforzo per ottenere una ricompensa – in questo caso scavando in un mucchio di terra – e “snuggets”, un gruppo di controllo a cui sono stati dati i dolci senza riguardo.

Di fronte a compiti stressanti, il gruppo di lavoratori è durato più a lungo di quelli condizionati a sopravvivere in uno stato che gli psicologi chiamano “impotenza appresa”. E quando hanno dovuto nuotare, i lavoratori hanno avuto una risposta ormonale che indicava una maggiore resilienza emotiva.

READ  Alzheimer: identificati 75 fattori di rischio genetici

I topi che hanno imparato a guidare hanno anche mostrato una maggiore coerenza emotiva e livelli più bassi di stress, che possono essere collegati alla soddisfazione per l’apprendimento di nuove abilità, secondo Kelly Lambert. La curva di apprendimento non è stata facile: i topi hanno dovuto prima pizzicare i comandi con il muso, prima che gli scienziati scoprissero che preferivano stare in piedi sulle zampe posteriori e usare le zampe anteriori per guidare.

Anche quando la loro auto si trovava in una posizione insolita, con le spalle al bocconcino, i roditori erano in grado di sterzare nel modo giusto e raggiungere il bocconcino, prova di capacità cognitive avanzate. Proprio come gli esseri umani, non tutti i topi hanno gli stessi interessi: mentre alcuni sembrano divertirsi a guidare da soli, altri lo fanno solo per ricompensa e un terzo gruppo non si preoccupa nemmeno.

gabbia contro. temperare la natura

La direttrice del Laboratorio di neuroscienze comportamentali si è resa conto all’inizio della sua carriera che lo studio dei topi che vivevano in gabbie “non arricchite”, cioè senza cicli e attività di ostruzione, aveva scarso interesse, in quanto studiare esseri umani confinati e isolati. Ad esempio, i topi allevati in gabbie fertilizzate hanno avuto più successo nella guida di un’auto rispetto ad altri.

Il suo lavoro più recente ha scoperto che i topi selvatici avevano cervelli più grandi dei topi da laboratorio, più neuroni, una milza più grande per combattere meglio le malattie e livelli di stress significativamente più elevati. Il che ci porta a una domanda filosofica: siamo simili ai topi da laboratorio, quelli rinchiusi in gabbie ricche o quelli che vivono allo stato brado?

READ  A che età il cervello produce neuroni?

“Mi sento un po’ più come un topo da laboratorio che come un topo selvatico”, ride Kelly Lambert. I topi selvatici, che devono cercare cibo ogni giorno ed evitare i predatori, possono avere un comportamento simile a quello dei nostri antenati, una cosa o due da insegnarci sulla forza mentale.

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.