Scienza e vita sulla terra

L’evoluzione della storia degli animali fino all’uomo

Di Richard Flament – Tieni presente che la formazione della Terra inizia il 1° gennaio e la sua storia dura un anno. Nell’articolo precedente, si trattava dell’origine della vita che sarebbe apparsa 3,8 miliardi di anni fa, cioè il primo marzo. Sarebbe stato un’esagerazione dire che l’evoluzione è stata lenta nelle sue fasi iniziali, poiché i primi animali sarebbero apparsi negli oceani otto mesi dopo, il 13 novembre.

I nostri primi animali compaiono in autunno sotto forma di meduse, conchiglie e pesci primitivi. La vita animale, che è limitata esclusivamente all’ambiente marino, mostra una grande diversità di forme e modi di vivere. Alla fine di novembre, possiamo assistere a pesci corazzati ossei lunghi oltre 9 metri insieme a scorpioni marini assassini di 1 metro di lunghezza.

Ma la sera del 30 novembre accadrà un grande evento evolutivo. Un pesce dalle zampe primitive, infatti, emergerà dall’acqua e colonizzerà l’ambiente terrestre. All’inizio di dicembre, questo pesce si svilupperà in tetrapodi, che sono animali a quattro zampe. Avrebbero vissuto accanto agli insetti giganti che il giorno prima avevano colonizzato l’ambiente terrestre… No fortuna, non erano i primi.

Questi tetrapodi si evolveranno essenzialmente in due grandi gruppi di animali diversi intorno all’11 dicembre. Una parte darà mammiferi e l’altra darà rettili e dinosauri. Nei prossimi giorni avremo una colonizzazione dell’ambiente aereo da parte di minuscoli rettili volanti che per alcuni non sono altro che una ridicola apertura alare di 14 metri. Gli altri animali, un po’ stanchi della vita terrestre e della sua attrazione, decisero di tornare in acqua. Darà origine a rettili marini giganti come i Mosasauri.

READ  Settimana della scienza: UM6P rivisita i contributi degli scienziati arabi

La vigilia di Natale risuonò un’enorme esplosione e la maggior parte dei dinosauri scomparve. Tuttavia, questa esplosione ha approfittato dei nostri mammiferi che rimangono nell’ombra per diversificarli ancora di più. Alcuni hanno avuto la stessa idea dei Mosasauri e di tornare in acqua il giorno di Santo Stefano. Oggi formano cetacei.

Le linee fisse dei mammiferi diventerebbero così diverse da rappresentare ora la maggior parte dei vertebrati terrestri. Prima della fine dell’anno, accade un altro grande evento… intorno alle 23:45 del 31 dicembre, un mammifero primate diventa Homo sapiens.

Richard Flament
Studente di dottorato in biologia evolutiva presso la Qatar University

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.