Sappiamo perché i tardigradi sopravvivono alla disidratazione

Sono noti per essere delle vere creature estreme: i tardigradi vivono in ambienti particolarmente ostili, alcune specie resistono addirittura al vuoto dello spazio! E un nuovo studio ha appena accreditato loro un nuovo risultato: la resistenza alla siccità estrema.

Sarai anche interessato


[EN VIDÉO] Tardigradi, supereroi nel mondo microscopico
Con i loro corpi tozzi e minuscoli piedi artigliati, i tardigradi sono alcune delle migliori creature del mondo microscopico. Ma non lasciarti ingannare dalle apparenze: i loro rotoli grassocci nascondono le cose ai veri supereroi.

Nel vuoto dello spazio, sotto pressione Eccezionale, a temperature prossime a zero Assoluto O, al contrario, molto alto…, il tardigradiDalle sue dimensioni millimetriche superiori, resiste a tutto! soprattutto nel caso di essiccazione Intenso, secondo uno studio recentemente pubblicato su Più Biologia. I ricercatori spiegano che i tardigradi entrano in uno stato metabolico evacuazione Si chiama anidrobiosi: quindi le sue funzioni vitali si fermano quasi del tutto, ma se ritorna l’umidità, allora tutto Metabolismo riprendere.

Un processo che il team di biologi ha voluto approfondire: inizialmente hanno utilizzato a solvente Una sostanza chimica, il trifluoroetanolo, per riprodurre condizioni di siccità tardigradi. Poi, dopo molte manipolazioni, sono stati in grado di identificarsi proteina Circonda le piccole creature, formando intorno a loro una specie di gel protettivo.

“Si pensa che quando l’acqua lascia la cellula, un tipo di proteina debba aiutare la cellula a mantenere la sua forza. fisico Per evitare di collassare su se stesso, Takekazu Kunieda ha detto in a comunicazionecoautore dello studio e Assistente Professore all’Università di Tokio. Dopo aver testato diversi tipi, abbiamo scoperto che le proteine ​​citoplasmatiche solubili sono abbondanti il calore (Cahs), che sono esclusivi dei tardigradi, sono responsabili della protezione delle loro cellule dalla disidratazione.

Le sfide della medicina nel futuro

Queste proteine ​​specifiche hanno la forma di a citoscheletro È costituito da filamenti gelatinosi, quando la cellula che contiene si disidrata. In questo modo lo proteggi dalle sollecitazioni meccaniche che possono romperlo. Un processo reversibile: quando la cellula riacquista acqua, tira i capillari. in ogni caso, il proteina I Cah sono unici per i tardigradi, anche se secondo lo studio, “Le proteine ​​con proprietà simili potrebbero essere presenti in altri organismi tolleranti essiccazione e contribuire a resistenza per me Fatica “. Una grande sfida per la scienza, poiché un tale meccanismo consentirebbe in particolare di preservare meglio alcuni farmaci.

Interessato a quello che hai appena letto?

You May Also Like

About the Author: Adriano Marotta

"Pluripremiato studioso di zombi. Professionista di musica. Esperto di cibo. Piantagrane".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.