Riuscirai a tirare fuori lo zombi dal terreno? Domande scientifiche

(Washington) Le legioni dei morti viventi terrorizzano il vicinato: questo rende grandi film dell’orrore, ma gli zombi, ovviamente, non esistono nel mondo reale … Davvero?




Issam AHMED
France Media

In realtà c’è un crescente corpo di letteratura sui parassiti che sono in grado di alterare il comportamento dell’animale che scelgono di ospitare – e sempre più studi stanno dimostrando che nemmeno gli esseri umani sono completamente immuni da loro. Questo tipo di manipolazione degli zombi.

Questo argomento affascina la biologa Athena Aktepes, dell’Università dell’Arizona, È anche l’autore di un podcast chiamato Zombificato.

“Più della metà delle specie che conosciamo sulla Terra sono parassiti”, spiega.

Un esempio di questo sono i funghi Ophiocordyceps. Rilascia spore che, quando colpiscono il corpo di un certo tipo di formica, gli permettono di controllare la sua attività motoria.

WikiCommons

fungo Ophiocordyceps.

Quindi, costringe l’insetto ad allontanarsi dai suoi congeneri e ad aggrapparsi alla pianta prima che muoia e si congeli a causa dell’infezione. Quindi un nuovo fungo cresce dalla testa della sua vittima, rilasciando spore che colpiscono altre formiche, e questo ciclo si ripete da due a tre settimane.

“Siamo assolutamente convinti che tutti i comportamenti delle formiche siano a favore dei funghi”, spiega Charissa de Becker, professore associato di biologia presso l’Università della Florida centrale, che sta ricercando entrambe le specie per comprendere meglio questo processo di allocazione.

“Molto disgustoso”

Un altro esempio: le vespe vicine, bersagli di un’altra vespa parassita, il calabroneGruppo Euderus.

Kelly Weinersmith, professoressa di biologia alla Rice University, faceva parte del team che ha scoperto questo fenomeno molto speciale. All’inizio tutto procede normalmente: il primo calabrone depone le uova in una conca nel legno di una quercia, chiamata “cripta”. La larva cresce lì e finisce per masticare le pareti per emergere alla fine della sua crescita.

WikiCommons

un Gruppo Euderus.

Ma quando il secondo calabrone trova una di queste larve, depone il suo uovo in una cripta e il parassita inizia all’interno. Manipola il primo bruco che è diventato una vespa così piccola in modo che il buco che scava sia troppo piccolo per uscire, quindi rimane bloccato con solo la testa sporgente.

READ  Quanti satelliti orbitano attorno alla Terra?

“Una volta intrappolato lì, il parassita (il primo calabrone) mangia dall’interno”, dice Kelly Weinersmith. “Quando il parassita finisce di crescere, mangia la testa del suo ospite ed esce dalla sua testa.” Il ricercatore concorda sul fatto che l’operazione è “estremamente disgustosa”.

E gli umani?

E se pensi che niente di tutto questo possa accadere agli esseri umani, potresti dover riconsiderare il tuo giudizio.

Il parassita unicellulare Toxoplasma Potrebbe aver colpito 40 milioni di americani, secondo i Centers for Disease Control and Prevention (CDC), e alcuni studi hanno dimostrato che potrebbe influenzare il comportamento umano.

Questo parassita si sviluppa originariamente nell’intestino di un gatto. Ed è “evoluto in un ratto (infetto) attratto dall’urina di gatto”. Quindi, il topo si avvicina al gatto, e quindi può mangiarlo e il cerchio si chiude.

WikiCommons

parassita Toxoplasma.

“Se non lo zombi, allora che cos’è?” Chiede M.io Aktepes.

Gli esseri umani possono essere infettati mangiando carne poco cotta o attraverso i loro animali domestici, ad esempio pulendo la lettiera.

Alcuni studi hanno riportato un legame tra l’infezione cerebrale da questo parassita e alcuni tratti della personalità, come l’aggressività, sebbene altri studi abbiano contestato questi risultati.

La rabbia, allo stesso modo, rende gli animali e gli esseri umani estremamente aggressivi.

Ma il salto nell’evoluzione dei parassiti deve essere grande affinché gli esseri umani facciano quello che fanno ai topi. Siamo ancora lontani dalle orde di zombie in mezzo alla strada.

Ma per Athena Aktepes, che ha ospitato un incontro medico sull ‘”apocalisse zombie” lo scorso anno – e si prepara per un altro decennio per il 2020 – rendere l’argomento interessante è un modo per riflettere sulle potenziali minacce in futuro.

READ  Cancro al polmone: l'idea dello screening sta guadagnando terreno

Raccomanda di tenere a casa un kit di emergenza con cibo, un kit di pronto soccorso e whisky per sterilizzare le ferite – o berlo, se le cose vanno davvero male.

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *