Rifugiati afgani in Italia: una vita da ricostruire

Ahmad ha lasciato molti dei suoi parenti e la loro immagine continua a perseguitarlo. Con la sua famiglia, questo rifugiato afghano è arrivato in Italia lo scorso agosto a bordo di un aereo militare. Denuncia apertamente ma preferisce rimanere anonimo per il suo nome. Due delle sue sorelle sono rimaste a Kabul. hanno preso il potere, vivono nella paura, rintanati nelle loro case.

Penso a loro tutto il tempo. Siamo molto preoccupati. E siamo preoccupati non solo per le mie due sorelle perché non hanno nessuno che si occupi di loro ma anche per tutte le donne in generale. Non possono funzionare“, testimonia Ahmad.

La famiglia di Ahmad appartiene alla minoranza sciita degli Hazara, comunità a lungo perseguitata dai talebani e dal gruppo dello Stato islamico. Gli eventi recenti hanno solo aggiunto sofferenza a una vita già difficile.

Negli ultimi quattro anni non avevo mai lasciato Kabul per tornare nella mia città natale. Ho sentito che un centinaio di persone nella nostra comunità sono state decapitate dai talebani“, dice Ahmad.

Da quando è in Europa, la madre di Ahmad non è riuscita a sorridere. Ogni giorno parla al telefono con le sue due figlie in Afghanistan. “Sono felice di essere qui, ma non riesco a smettere di pensarci. Quando parlo con loro, mi dicono che la situazione è brutta e si sentono terrorizzati“, lei dice.

Nonostante le difficoltà di adattamento a questo nuovo Paese, le sensazioni di libertà e sicurezza sono un vero sollievo per tutti. “Penso al futuro dei miei figli. Qui hanno la possibilità di studiare e avere un futuro. Ma soprattutto, essere qui permette loro di essere al sicuro. La nostra vita non è in pericolo“, questo Ahmad.

READ  Italia. In Toscana gli operai della GKN Campi Bisenzio salvano la loro fabbrica

I cinque bambini non hanno mai vissuto sotto il regime talebano, ma i loro sogni sono stati improvvisamente infranti.

Non riesco a concentrarmi sulla mia vita e non so cosa fare. Devo pensare solo a me stesso? Non posso. È così difficile per una ragazza, per tutti in Afghanistan. In Afghanistan il mio sogno era diventare un politico ma ora ho cambiato idea, voglio essere un artista o un medico, “testimonia la figlia di Ahmad”,Credo che un giorno andrò in Afghanistan e che potrò aiutare il mio popolo e il mio paese… io ci credo“.

You May Also Like

About the Author: Cosimo Fazio

"Evangelista di zombi. Pensatore. Creatore avido. Fanatico di Internet pluripremiato. Fanatico del web incurabile."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *