Razzo cinese | Il suo ritorno indisciplinato sulla Terra è previsto per questo fine settimana

(Pechino) Il rischio di danni è “basso”, anche “piccolo”, ma non nullo: il missile cinese deve rientrare incontrollato in questo fine settimana nell’atmosfera terrestre, però Cina e molti esperti, considerando l’ipotesi minima di Danno al terra.


Ludovic Eret
France Media

La Cina ha messo in orbita la prima unità della sua stazione spaziale il 29 aprile, grazie al razzo vettore Long-March 5B, il lanciatore più potente e imposto della Cina.

È il primo stadio di questo missile, attualmente in orbita, che dovrebbe tornare sulla Terra. Sta gradualmente perdendo la sua altezza e il suo punto di caduta non è attualmente noto.

Space-Track, che ha utilizzato i dati militari statunitensi, ha twittato una nuova stima di quando e dove è entrato nell’atmosfera: 2:11 GMT sul bacino del Mediterraneo, con incertezza un’ora prima o dopo quella stima.

Lo Space Control Squadron della base aerea di Vandenberg in California ha detto a SpaceTrack: “Non saprò la posizione esatta fino a quando” il missile non sarà atterrato.

La Cina è molto cauta su questo tema e non ha rilasciato previsioni sulla possibilità che la rampa di lancio ritorni nell’atmosfera terrestre ogni ora, in quanto dovrebbe disintegrarsi in tutto o in parte.

Per l’agenzia spaziale russa Roscosmos, l’ingresso è possibile alle 23:30 GMT di sabato (19:30 ET) nell’Indonesia meridionale. Il Pentagono si aspetta le 23:00 GMT – ciascuna (19:00 EST) ma con un margine di errore di nove ore su entrambi i lati di quella stima.

La finestra dovrebbe ritirarsi gradualmente nell’arco di alcune ore.

Dopo un lungo silenzio imbarazzante da parte delle autorità spaziali e diplomatiche cinesi, Pechino ha finalmente risposto venerdì.

READ  Decodifica | Il fantasma di Jim Crow in Georgia

“La maggior parte dei componenti (del missile) verranno bruciati e distrutti quando entreranno di nuovo nell’atmosfera”, ha detto Wang Wenbin, portavoce del ministero degli Esteri cinese.

“La possibilità di danneggiare le attività aeree o (persone, edifici e attività) a terra è molto bassa”, ha detto.

L’astronomo Jonathan McDowell ha risposto su Twitter sabato: “Nuove previsioni dalla 18SPCS Space Force stanno spingendo elementi in orbita: Costa Rica, Haiti, Spagna, Sardegna, Italia, Grecia, Creta, Israele, Giordania, Arabia Saudita, Australia, Nuova Zelanda”.

I media sono discreti

PHOTO CHINA DAILY, tramite Reuters

I media cinesi hanno fornito una copertura minima dell’evento sabato e si sono accontentati di ripetere le dichiarazioni rilasciate da un portavoce diplomatico il giorno prima.

Se parti del razzo rimangono intatte dopo essere rientrate nell’atmosfera, c’è una buona possibilità di danni in mare perché il pianeta è coperto per il 70% da acqua.

“Speriamo che atterrino in un luogo dove non danneggino nessuno”, ha detto venerdì Mike Howard, portavoce del Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti, sottolineando che gli Stati Uniti stavano seguendo il missile.

Il segretario alla Difesa degli Stati Uniti Lloyd Austin ha confermato questa settimana che il suo paese non ha intenzione di distruggere il missile. Tuttavia, ha accennato al fatto che il suo lancio non era stato pianificato con sufficiente cura dalla Cina.

Secondo diversi esperti intervistati da Agence France-Presse, il rischio di caduta di detriti da una pesante rampa di lancio su un’area popolata esiste, ma è improbabile.

Florent Delphi, un astronomo dell’Osservatorio Paris-PSL, prevede: “Date le dimensioni dell’oggetto, ci sono necessariamente pezzi di grandi dimensioni che rimarranno”.

READ  Australia changes one word in its national anthem to honor indigenous people

Ma il potenziale di impatto su un’area popolata è “minuscolo, meno di uno su un milione, senza dubbio”, afferma Nicolas Bubriensky, capo dell’ingegneria e dell’innovazione presso l’Agenzia spaziale europea (ESA).

Pezzi di metallo

“Non devi preoccuparti troppo”, osserva Jonathan McDowell, astronomo dell’Harvard-Smithsonian Center for Astrophysics, negli Stati Uniti, e uno dei maggiori specialisti in detriti spaziali.

“Ma il fatto che una tonnellata di metallo colpisca il suolo a centinaia di chilometri all’ora non è una buona pratica, e la Cina dovrebbe rivedere il progetto delle missioni della lunga marcia 5B per evitarlo”.

Nel 2020, i detriti di un altro missile Longue-Marche si sono schiantati contro i villaggi della Costa d’Avorio, provocando danni ma nessun ferito.

Nell’aprile 2018, il laboratorio spaziale cinese Tiangong-1 si è disintegrato quando è entrato nell’atmosfera, due anni dopo che era fuori servizio.

La Cina investe miliardi di euro nel suo programma spaziale da diversi decenni.

Ha inviato il suo primo astronauta nello spazio nel 2003. All’inizio del 2019 è atterrato con una macchina dall’altra parte della luna, per la prima volta al mondo.

L’anno scorso, ha portato campioni dalla luna e ha terminato il sistema di navigazione satellitare Beidou (un concorrente del GPS statunitense).

La Cina prevede di far atterrare un robot su Marte nelle prossime settimane. Ha anche annunciato di voler costruire una base lunare con la Russia.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *