Questa serie di fantascienza è odiata, ma questo episodio ha messo in imbarazzo tutti per le sue affermazioni “stupide” e “offensive” – Serie Notizie

Questa serie di fantascienza è odiata, ma questo episodio ha messo in imbarazzo tutti per le sue affermazioni “stupide” e “offensive” – Serie Notizie

Nel 1987, Star Trek: The Next Generation mandò in onda l’episodio “Code of Honor”, considerato fino ad oggi il più grande flop della saga di fantascienza.

Jonathan Frakes è diventato famoso a livello internazionale interpretando il comandante William T. Riker in Star Trek: The Next Generation. E anche se ha molto di cui essere orgoglioso del tempo trascorso nello show, c’è un episodio di cui si vergogna di più – e non è l’unico.

Fin dalla sua nascita, Star Trek è stato sinonimo di inclusione e diversità. La visione di Gene Roddenberry era un’utopia in cui le persone si unissero ed esplorassero lo spazio fianco a fianco.

Ma i creatori dello spettacolo non sono sempre riusciti a realizzare questa idea. Il punto più basso della serie è arrivato con Patrick Stewart nell’episodio 4 della prima stagione Star Trek: La prossima generazione (Episodio 4, se contiamo le due parti come “Appuntamento Farpoint”, due episodi separati).

Mettilo in loop Jonathan Frakes Lo odia così tanto che ha espresso nuovamente il suo disgusto durante una seduta il mese scorso.

L’imbarazzo che è il “codice d’onore”

Nell’episodio in questione, intitolato “Codice d’Onore”, l’equipaggio dell’Enterprise visita il pianeta Ligon II con l’obiettivo di riportare urgentemente un vaccino sul pianeta Styris IV. In Ligon II, tentarono quindi di negoziare un trattato che avrebbe permesso loro di ottenere la preziosa cura.

Ma affinché possa lasciare questo pianeta, il tenente Tasha Yar (Dennis Crosby) deve prima combattere il signore della guerra locale Lotan (Jesse Lawrence Ferguson), che vuole farla sua moglie. Dopo il suo rifiuto, i Legionari la rapiscono e tutto diventa complicato.


Televisione locale di primaria importanza

Originariamente i Ligoniani erano descritti come un tipo di rettile e la loro cultura doveva ricordare quella dei samurai giapponesi. Tuttavia, il regista dell’episodio, Ross Mayberry, si è preso delle libertà e ha deciso che solo gli attori neri avrebbero interpretato i Ligoniani.

READ  Dov'è l'epidemia in Francia?

Inoltre, la cultura lgoniana veniva rappresentata in maniera primitiva, adottando cliché e stereotipi delle varie culture africane. Negli anni trascorsi dalla messa in onda, diversi membri del cast hanno criticato l’episodio per il suo palese razzismo.

per Ross MayberryÈ stato semplicemente ringraziato Gene Roddenberry Non sono mai stati chiamati a dirigere un altro episodio della serie Star Trek. L’autore Keith RA DeCandido ha scritto nella sua recensione dell’episodio:

Chiaramente, definire gli attori afroamericani come legionari fortemente primitivi era inappropriato“Per il creatore della serie, da qui la sua decisione.

Rifiuto generale ed esaustivo

Il mese scorso si è riunito il GalaxyCon Jonathan Frakes, Dennis Crosby E John De Lancie (S) in un evento virtuale dedicato a Star Trek: La prossima generazione. durante il dipinto, Jonathan Frakes Così ha ricordato l’accaduto, parlando del suo estremo imbarazzo e negando ogni benevolenza da parte degli agenti.

Questa non era la prima volta che Frakes mostrava il suo disprezzo per l’anello. TrekMovie ha riferito che nel 2011 l’attore una volta lo chiamò “M***** è un razzista” durante il panel STLV. E non è solo.

Nel 2012, anche Brent Spiner (Data) disse a TrekMovie che riteneva che il “codice d’onore” fosse “razzistA“E il”peggio“Un episodio della serie. Durante un panel di reunion di TNG nel 2013, anche Michael Dorn (Worf) lo chiamò”Il peggior episodio di Star Trek mai girato“, e durante un panel al DragonCon 2010, LeVar Burton (Geordi La Forge) ha concordato con la valutazione che l’episodio”Puzzolente, senza dubbio“.

E infine nel libro La missione di 50 anni: i prossimi 25 anniLa scrittrice della prima stagione Tracy Tormé ha dichiarato che l’episodio era semplicemente “Dannoso“.


Televisione locale di primaria importanza

Dal canto loro, neanche fan e critica hanno apprezzato il capitolo, anzi, come dimostra il suo rating su IMDb, il più basso tra gli episodi della prima stagione, che di per sé è già considerato il peggiore dell’intera serie. .

READ  Reality TV dà il cattivo esempio!

Alcuni fan hanno addirittura definito sessista il “Codice d’onore”, oltre al suo evidente razzismo. Den of Geek si unisce Michele Dorn chiamato “Il peggior episodio di Star Trek mai giratoJammers lo descrive come,FolleScreenprism lo descrive come,Pura spazzaturaOKAfrica, una rivista che si occupa di arte, sport e politica nei paesi africani, lo descrive come “Razzismo ridicolo“.

Tutti sono d’accordo, questo è quello che dice.

Tutte e sette le stagioni di Star Trek: The Next Generation sono disponibili su Netflix, MyCanal o Paramount+.

Un articolo simile è già stato pubblicato sul nostro sito tedesco Filmstarts.de.

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *