Quattro anni dopo le rivolte | Charlottesville rimuoverà le sue statue confederate

(Washington) Venerdì, la città statunitense di Charlottesville ha annunciato lo smantellamento delle statue di due generali confederati, originariamente coinvolti in sanguinosi scontri tra attivisti di estrema destra e manifestanti antirazzisti nel 2017.


Le statue del generale Robert Lee, il capo dell’esercito meridionale pro-schiavitù durante la guerra civile, e del generale Thomas “Stonewall” Jackson, in uniforme ea cavallo, sono collocate in due piccoli parchi vicino al centro. Città.

FOTO ZACK WAJSGRAS, archivia i progressi giornalieri tramite AP

Statua del generale Thomas “Stonewall” Jackson

Nel febbraio 2017, il comune ha autorizzato la rimozione di queste statue, che sono simboli della passata schiavitù e del razzismo degli Stati Uniti.

L’agosto successivo, centinaia di membri dell’estrema destra hanno manifestato sotto la bandiera del movimento “Unite the Right”, per protestare contro questo progetto.

Al termine di questa manifestazione, sono scoppiati scontri tra suprematisti bianchi e contro-manifestanti.

FOTO MYKAL MCELDOWNEY, Archivi della stella di Indianapolis tramite AP

I suprematisti bianchi si riuniscono nel campus dell’Università della Virginia, a Charlottesville, l’11 agosto 2017.

Poi un simpatizzante neonazista ha preso d’assalto una folla di manifestanti antirazzisti, uccidendo la trentaduenne Heather Heyer e ferendo dozzine di persone.

Il presidente Donald Trump aveva denunciato le violenze “da entrambe le parti”, suscitando un’ondata di critiche.

Il comune ha poi ricoperto le statue con plastica nera in onore delle vittime delle violenze.

Ha detto in una dichiarazione che le statue saranno ora “conservate in sicurezza e proprietà della città in attesa che il consiglio comunale prenda una decisione definitiva” sul loro destino.

La città aveva invitato i musei, le società storiche, il governo oi responsabili del campo di battaglia a identificarsi se desideravano restaurare queste statue. Ha aggiunto di aver ricevuto dieci proposte, di cui quattro dalla Virginia.

READ  Mar Cinese Meridionale: il ministro degli Esteri chiede a Pechino di "rompere"

Depuis la mort de George Floyd, un Noir americain tué en mai 2020 lors de son arrestation par un policier blanc, de nombreux Monuments à la gloire de l’armée confédérée ont été pensionati, soit par les autorités soit con des manifestleants razzismo negli Stati Uniti Stati d’America.

Durante la Guerra Civile (1861-1865), la Confederazione Meridionale ottenne l’indipendenza dagli Stati Uniti e combatté per mantenere la schiavitù, che fu abolita nel resto del paese. La Virginia, dove si stabilirono i primi coloni inglesi, era il cuore sottile degli Stati Uniti.

Le bandiere e i monumenti confederati ora sono spesso visti come simboli razziali, anche se i sostenitori affermano di vederli semplicemente come un’eredità della storia del paese.

Charlottesville aveva già rimosso nel settembre 2020 una statua di un soldato confederato in possesso di un fucile che era stata eretta dal 1909.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *