Quarantena obbligatoria in hotel | Ottawa non è in grado di determinare quanti biglietti sono stati emessi

(Ottawa) Quasi due settimane dopo l’implementazione del sistema di quarantena dell’hotel, Ottawa non è in grado di determinare quante multe sono state imposte ai viaggiatori che non avevano prenotazioni all’arrivo.


Kathryn Levesque
La stampa canadese

Quattro giorni dopo la prima richiesta della Canadian Press, la Public Health Agency del Canada (PHAC) ha finalmente ammesso di non disporre di questi dati.

All’arrivo in Canada, in uno dei quattro aeroporti internazionali designati a livello federale, i viaggiatori sono tenuti a presentare il loro piano di quarantena ai funzionari di frontiera prima di trasferirsi al loro hotel di quarantena. In caso di problemi, il viaggiatore viene indirizzato a un membro dello staff PHAC.

In una recente e-mail, la Canada Border Services Agency ha voluto affermare che “la decisione di intraprendere un’azione di contrasto relativa agli ordini di sanità pubblica o meno spetta al centro di assistenza sanitaria di base”.

“Quando sorgono domande sulle condizioni mediche, sui documenti o sul piano di quarantena di un viaggiatore, il viaggiatore viene indirizzato a un dipendente del centro di assistenza sanitaria di base che prenderà la decisione finale”. Ha detto la portavoce Rebecca Purdy.

Lunedì, il PHAC ha ammesso che sta “multando le persone che si rifiutano di rispettare i requisiti di quarantena e di test o che avanzano accuse contro di loro” e che “sono stati emessi diversi biglietti per tali crimini”.

“Si noti che ci vuole tempo per elaborare e pubblicare informazioni su queste azioni di contrasto”, ha detto la portavoce Tami Garbo.

Giovedì rimane impossibile sapere quanti biglietti sono stati assegnati a viaggiatori che non hanno rispettato le regole del governo federale da quando è entrata in vigore la quarantena dell’hotel.

READ  La scienza rivela il contenuto delle lettere di Maria Antonietta e del suo amante

“Non abbiamo quei numeri”, Eric Morissette, responsabile delle relazioni con i media presso il Dipartimento della Salute canadese, ha finito per accettare durante una telefonata.

Il signor Morissette ha detto che è difficile rintracciare i responsabili perché i loro casi sono spesso deferiti alle autorità competenti della contea in cui vivono. Possono anche ritirare i biglietti per posta dopo il fatto.

Inoltre, PHAC non dispone di un quadro completo delle forze dell’ordine in quarantena dall’inizio della pandemia.

Dal 25 marzo 2020 al 28 febbraio 2021, ha affermato di essere a conoscenza di 186 biglietti, 25 condanne sommarie, 362 ammonimenti verbali e 46 ammonimenti scritti.

Le forze di polizia locali non sono tenute a inviare informazioni al PHAC […]. Di conseguenza, potrebbero esserci procedure di implementazione che non si riflettono nei dati nel file PHAC. “sono Hanno provato.

Alla domanda sulla mancanza di dati federali sulle multe, il primo ministro Justin Trudeau ha risposto che “il sistema non è in atto per punire le persone e il sistema non è in atto per imporre multe e raccogliere fondi”.

“Il sistema è in atto per garantire che i canadesi siano al sicuro, che impediamo l’importazione del virus e, a questo livello, ci concentriamo sull’efficacia di queste misure e per garantire che le persone siano protette nel modo più efficace possibile. Questo è ciò che tutti i canadesi si aspettano dal loro governo.

Il signor Trudeau ha aggiunto che il suo governo pubblica regolarmente i dati sulle misure adottate. In conclusione, ha affermato: “Continueremo a porre la trasparenza e quindi la fiducia nelle nostre istituzioni come una priorità per il nostro governo”.

READ  La conquista dell'America risale ad almeno 15.500 anni fa

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *