Quanto può durare davvero un’abbronzatura?

Il ritorno dalle vacanze con la pelle marrone è segno di una vacanza riuscita? Se pensiamo a quante persone sono orgogliose di sfoggiare la propria abbronzatura a fine estate, possiamo pensare di sì… ma quella esposizione al sole è davvero benefica? Tutte le pelli sono uguali ai raggi? Quanto tempo possiamo mantenere questi nuovi colori? Tutte le risposte in cinque punti.

1/ Quanto può durare al massimo un’abbronzatura?

Se la capacità di abbronzarsi varia a seconda del tipo di pelle, il processo è sempre lo stesso: sotto l’influenza dei raggi ultravioletti, alcune cellule dell’epidermide produrranno melanina, questo pigmento che colorerà la pelle. L’abbronzatura compare circa due giorni dopo l’esposizione al sole e poi scompare gradualmente man mano che la pelle si rinnova. Il rinnovo completo richiede in media 25 giorni: non si può “mantenere” l’abbronzatura più di un mese dopo l’ultima esposizione al sole.

Per prolungare al massimo il periodo di trattamento è necessario idratare bene la pelle, mattina e sera, bere molta acqua, e al ritorno dalle vacanze è necessario fare un peeling viso e corpo ogni tre giorni.

2/ Le scottature solari accelerano l’abbronzatura?

“La scottatura solare è davvero una lesione cutanea. La scottatura solare lieve, oltre al dolore, provoca l’ispessimento della pelle. Se la scottatura solare è più grave (bruciore, vesciche), la pelle si stacca e lascia il posto a nuovo tessuto più fragile che può gira brucia… è un circolo vizioso!” Allerta Lega contro il cancro. Quindi è un peccato che tu voglia assolutamente accelerare il processo esponendoti troppo o senza protezione.

3/ Tutti i tipi di pelle possono abbronzarsi?

“Alcuni individui, come i capelli rossi, producono poco o nessun pigmento marrone che consente l’abbronzatura”, identifica l’associazione. E ha aggiunto: “Se hai la pelle molto chiara, capelli bianchi (albini) o rossi, le lentiggini compaiono molto rapidamente in caso di esposizione (Foto 1), oppure se hai la pelle molto chiara, può diventare abbronzata, bionda o castana chiara. capelli, lentiggini che Mostrati al sole (fotografia 2), non provare ad abbronzarti.” Particolare attenzione va riservata anche ai bambini con pelle molto sottile, soprattutto quelli di età inferiore ai 3 anni.

READ  Il rover cinese Zhurong è atterrato su Marte durante la notte

4 / La crema solare previene l’abbronzatura?

La crema solare non ti impedirà di abbronzarti, ma proteggerà la tua pelle dai raggi UV. Scegli una lozione che protegga dai raggi UV, responsabili delle scottature, delle ustioni e della maggior parte dei tumori della pelle, e dai raggi UV che causano rughe, macchie e invecchiamento della pelle. Tuttavia, nessun prodotto solare blocca il 100% dei raggi luminosi. Oltre alla maglietta e al cappello consigliati, scegli un indice di sole alto (50 o 50+) e applicalo generosamente in uno spesso strato ogni due ore. Ripetere il procedimento dopo ogni bagno, quindi evitare il più possibile l’esposizione diretta e prolungata al sole, soprattutto tra le 12:00 e le 16:00, che è l’ora più calda. Questo ti permetterà di rimanere più a lungo e di ottenere un’abbronzatura più uniforme. Se è lo stesso, prova le ore più calde, e sappi che due sessioni da 10 minuti sono sufficienti, perché il sole è forte allo zenit.

5/ Le macchie marroni sulla pelle sono innocue?

Le macchie marroni che compaiono intorno ai 50 anni sulle zone più esposte, come mani e décolleté, sono state causate dai raggi UV che penetrano in profondità nella pelle e ne alterano l’incarnato. Innocuo, è un segno che il “capitale solare” di una persona è già stato danneggiato e, di conseguenza, è presente il rischio di cancro della pelle. Come le talpe, queste macchie dovrebbero essere monitorate da un dermatologo, in quanto possono essere scambiate per macchie dell’età ma mascherano una lesione più grave, come il melanoma.

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *