Quando il Lincoln Center, un prestigioso centro artistico di New York, esplora il quartiere cancellato

LONDRES: La ville de Liverpool, dans le nord de l’Angleterre, accueillera en mai le concours de l’Eurovision, une edition qui s’annonce déjà très politique, le Royaume-Uni l’organisant au nom de l’Ukraine from the guerra.

“È Liverpool il 13 maggio”, ha detto il presentatore della BBC Eurovision Graham Norton. Il Liverpool ha battuto Glasgow, in Scozia.

Le semifinali si giocheranno il 9 e 11 maggio, seguite dalla finale il 13 maggio. Lo stravagante concorso, alla sua 67a edizione, è seguito da decine di milioni di telespettatori, in Europa e anche in Israele, Australia, ecc.

“Ce l’abbiamo fatta!”, ha detto su Twitter Joan Anderson, sindaco di Liverpool, la città dei Beatles. “Faremo la festa più grande di sempre”, ha detto la cantante Sonya Evans, di Liverpool, che ha rappresentato il Regno Unito all’Eurovision nel 1993.

Questa edizione avrà senza dubbio, come l’anno scorso, una connotazione molto politica.

“Una città accogliente con un’orgogliosa eredità musicale, Liverpool presenterà uno spettacolo indimenticabile che celebra la ricca cultura e creatività dell’Ucraina”, ha promesso il primo ministro britannico Liz Truss su Twitter.

Dopo un simbolico primo posto a Torino, in Italia, lo scorso maggio, all’Ucraina è stato a giugno negato il diritto di ospitare l’Eurovisione dalla European Broadcasting Union (EBU), che riteneva che le condizioni di sicurezza non fossero state soddisfatte a causa dell’invasione del Paese da parte della Russia.

Circa 10.000 persone partecipano alla produzione dell’Eurovision, che attira anche migliaia di fan.

Patrimonio musicale

Un accordo è stato annunciato il 25 luglio dalla European Broadcasting Union e dal governo britannico alla BBC per organizzare il concorso nel Regno Unito, secondo solo all’Ucraina, in una versione che mostra il paese ancora in guerra.

READ  Eurovision 2022: dove seguirai le semifinali a partire da martedì 10 maggio?

Dall’inizio dell’invasione russa alla fine di febbraio, il Regno Unito ha mostrato un grande sostegno politico e militare a Kiev, in particolare imponendo sanzioni economiche senza precedenti a Mosca.

L’anno scorso, la Kalush Orchestra ha vinto la partita finale del concorso a maggio con “Stefania” che fonde hip-hop e musica tradizionale, una vittoria che simboleggia la resilienza ucraina alla guerra e la solidarietà popolare europea.

La band ucraina si è congratulata venerdì sera con il Liverpool FC, “noto per il suo patrimonio musicale nelle città di tutto il mondo”. Hanno detto: “Suonare dove sono iniziati i Beatles sarà un momento che non dimenticheremo mai!”

Ha aggiunto: “Anche se siamo rattristati dal fatto che la competizione del prossimo anno non possa svolgersi nel nostro paese d’origine, sappiamo che il popolo del Liverpool sarà un ospite amichevole e che gli organizzatori potranno aggiungere un vero sapore ucraino a Eurovision 2023 in questo città.” Orchestra Kallush.

Il Regno Unito ha ospitato la competizione otto volte ma non l’ha ospitata dal 1998, quando si è svolta a Birmingham, nell’Inghilterra centrale.

Venti città britanniche hanno presentato domanda per ospitare l’Eurovision a nome dell’Ucraina. La prima selezione di sette città (Birmingham, Glasgow, Leeds, Liverpool, Manchester, Newcastle e Sheffield) è stata rivelata ad agosto.

L’anno scorso, a Torino, il britannico Sam Ryder e il suo soprannome “Spaceman” si sono piazzati al secondo posto, un risultato inaspettato per i britannici che negli ultimi anni sono stati abituati in fondo alla classifica, anche a zero punti nel 2021.

You May Also Like

About the Author: Drina Lombardi

"Analista. Creatore. Fanatico di zombi. Appassionato di viaggi. Esperto di cultura pop. Appassionato di alcol".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.