Qualità non quantità?

Solo quattro belgi parteciperanno al secondo torneo del Grande Slam di quest’anno, nei due tabelloni principali, il singolo maschile e il singolo femminile. è un David Goffin, Elise Mertens, Alison Van Uytenfank E il Saluti Minin (Qualifiche Edition).

Quattro giocatori non tanto. Non è un caso eccezionale, ma non è molto. L’ultima volta che è successo a Parigi è stato cinque anni fa. E ricorda che David Goffin ha raggiunto i quarti di finale, perdendo solo Dominic Tim. Quattro belgi presenti, di cui uno al “quinto giro”, ci prendiamo, vero? Invece di 9 belgi all’inizio, hanno perso tutti al primo o al secondo turno.

Ma vogliamo vedere un belga belga belga nella seconda settimana? Fare previsioni è sempre complicato e spesso superfluo.

Saluti Minin È stato portato a incontrare i cechi Petra Kvitova, Dodicesima al mondo, al primo turno. Non saresti un po ‘sospettoso, giocatore belga? Non ha spesso la possibilità di giocare per il Grande Slam e deve vincere tre partite di qualificazione per raggiungere il sorteggio finale e affrontare lo stesso formidabile avversario che ha affrontato agli Australian Open lo scorso febbraio.

Alison Van Uytvank Ha perso al primo turno di tre tornei che aveva appena giocato sulla terra battuta. Il suo primo avversario italiano Martina Trevisan, 97 al mondo, puoi permettergli di porre fine a questa serie deludente.

Ma per sperare di andare oltre bisognerà senza dubbio affidarsi soprattutto ai nostri “20 best”, la nostra numero uno, Elise Mertens e David Goffin.

Vinci le partite senza puntare a obiettivi alti

Elise Mertens È il più regolare dei due. Ha solo senso che non dovresti avere troppe difficoltà al primo turno, contro l’australiano Storm Sanders, Il risultato delle qualifiche. Vedremo dopo. Non ha mai voluto distogliere lo sguardo dal dipinto, in altre parole dopo il suo ruolo successivo. E non inizia a farlo adesso. Questo non gli impedisce di avere un po ‘di ambizione. “Mi dico che non voglio davvero perdere al primo o al secondo turno. Sono impegnato nei tre giri, negli ultimi due anni. Vorrei vincere punti e avanzare in classifica, quindi fatene almeno uno. Quarto round. “ È un obiettivo molto ragionevole, e forse molto ragionevole, quando sai cosa potrebbe accadere nel tennis femminile. Ma Elise Mertens preferisce il famoso “match dopo match”, che non concede molta pressione pur rimanendo modesto.

David Goffin Ancora due sconfitte al primo turno, al Grande Slam (Roland Garros 2020 e Australian Open 2021). Sette mesi fa a Parigi, si è inchinato a un giovane italiano di talento, Yannick Senner. Questa volta la partita era per un giovane italiano di talento, Lorenzo Musetti.
Per avere la possibilità di vincere, il tredicesimo giocatore del mondo deve sbarazzarsi del problema alla coscia che lo ha infastidito a Barcellona. Ed è finita. Deve essere in una forma fisica migliore di Leon. Lo è, dice. “Dopo questa sconfitta, abbiamo deciso di lavorare bene, per prepararci nuovamente al Roland Garros. Mi sento meglio in campo, più fiducioso negli allenamenti. Devo continuare su questa strada, per trovare la smobilitazione di cui ho bisogno”.

Cerco coerenza e fiducia

Questa è la chiave, è rilassante. David Goffin da giorni molto belli, gioca a tennis senza intoppi, ha un’ottima visione del gioco, prende la palla in anticipo, si muove bene. Non sospetto. È fiducioso. “A volte riesco a trovarlo di nuovo rilassante, sono felice, ma non riesco a fare di nuovo una buona partita. Tuttavia, deve essere il caso per aumentare la mia fiducia. Ed è stato così per un po ‘di tempo: un incontro dà ho l’impressione che tutto sia tornato, e un altro mi dà un po ‘di dubbi nella mia testa. E ogni volta devo prepararmi di nuovo, per rilanciarmi. Questo è quello che ho appena fatto “.

E il suo obiettivo in questo torneo? Non avrebbe risposto, come Elise Mertens, “Fare un lavoro migliore dell’anno scorso”, perché è chiaro. È stato colpito al primo turno, nel 2020. Quello a cui punta, non i risultati, è nello specifico una maggiore costanza, più fluidità e più fiducia. E ne seguiranno felici conseguenze. “Vorrei rivivere quei momenti in cui mi dico che il mio gioco è a posto, dove sono spontaneo, dove tutto scorre dal primo punto. Là, faccio le cose rigorosamente, cerco di applicarmi, è meno flessibile. So che tutto può tornare indietro, ed è stato così quando ho vinto il torneo di Montpellier, dove sono migliorato nel corso dei giri. Devo attenermi al primo turno e ad ogni partita, mantenere la giusta postura e avere le giuste intenzioni . Queste sono le mie ambizioni per questo torneo del Roland Garros. “

Sappiamo cosa può fare un calciatore belga. Sappiamo quanto vuole trovare il suo miglior livello. Ma sappiamo anche quanto i ragazzi più giovani (come Lorenzo Musetti) vogliano esporre i trentenni.

Qualità, se non quantità, nel clan belga? Sarà complicato, ma David, Elise, Gret e Alison sono all’altezza della sfida.

Ascolta David Goffin …

Bollettino sportivo

Ottieni la maggior parte delle informazioni sportive ogni mattina.

Ebbene non compaiono più x

READ  Il Real Madrid e il suo crocevia italiano

You May Also Like

About the Author: Fina Lombardi

"Fanatico della cultura pop. Ninja zombi estremo. Scrittore professionista. Esperto di Internet."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *