Puoi rafforzare il tuo sistema immunitario? No


Questo articolo fa parte di una colonna Rilevatore di vociClicca qui per altri testi.


L’origine della voce

L’idea non è nata con una pandemia. Basta cercare su Google “rafforza il tuo sistema immunitario” per trovare i soliti consigli pubblicati da molto tempo: fai esercizio, mangia sano, lavati le mani, non fumare, bevi di meno e sii sano. Qualità del sonno, evita situazioni stressanti … tutti questi suggerimenti sono validi.

Ma non devi nemmeno cercare a lungo per trovare un sacco di prodotti. Miracoli Dovrebbe rafforzare le nostre difese o “rivitalizzare” il nostro sistema immunitario. I più comuni in quest’area sono probiotici, oli essenziali, antiossidanti, vitamina D, echinacea, propoli, estratti di semi di pompelmo, aglio, spirulina, zinco, oligoelementi, omega-3 o funghi come shiitake, maitake o reishi.

Grazie a queste proprietà ipotetiche, questi stessi prodotti vengono ora promossi per la loro “efficacia” contro il nuovo coronavirus.

fatti

L’errore principale che fanno molte persone è Come abbiamo accennato Sito di promozione Salve dottori, È la confusione del sistema immunitario e dei muscoli che ha solo bisogno di essere rafforzata. Tuttavia, il nostro sistema immunitario è un insieme complesso di elementi: centinaia di molecole organizzate in più linee di difesa, innate e adattive, che reagiranno in modo diverso a seconda delle circostanze. Ad esempio, nel caso del Coronavirus, non sarà sufficiente “stimolare” il nostro sistema immunitario in modo che improvvisamente inizi a produrre più anticorpi: questi anticorpi devono essere specifici per questo virus. E questo, solo due cose lo consentono: sei già stato esposto a questo virus, o un vaccino.

All’improvviso, la potenza di uno qualsiasi dei presunti prodotti L’aumentata resistenza del sistema immunitario non è stata dimostrata e non è a causa della mancanza di tentativi: diversi ricercatori hanno affrontato questa domanda per decenni.

READ  Doctor Bustle dalla Riviera

per esempio, Uno studio americano risalente al 2003 Prodotti come l’echinacea, il ginseng e l’astragalo non hanno mostrato alcun effetto sul sistema immunitario. Stava esaminando alcune dozzine di studi clinici randomizzati condotti in tutto il mondo che non mostravano alcun effetto o mostravano effetti minimi. Les chercheurs doutaient également de la qualité de somes travaux, soit parce que la production des médicaments n’était pas standardisée (c’est-à-dire que le niveau de médicament variait dans les échantillons), soit à dà causeun t numero di partecipanti . In alcuni casi, il medicinale non contiene nemmeno particelle vegetali!

In teoria, si può immaginare un prodotto mirato solo a una parte specifica del sistema immunitario: questo è l’argomento per i sostenitori di antiossidanti e probiotici, che affermano di “stimolare” le difese contro le infezioni batteriche, al punto da ridurre la durata dell’infezione. Non c’è nulla allo stato attuale delle conoscenze che lo confermi, sebbene i probiotici abbiano avuto alcuni risultati positivi, ma contrastanti contro le infezioni respiratorie.

Tuttavia, questa teoria apre la porta a un altro ostacolo: un sistema immunitario che reagisce in modo eccessivo al “nemico” può diventare un vero problema – benigno, come le allergie, o più grave, come i problemi respiratori. In casi estremi, stiamo parlando di malattie autoimmuni: quando il sistema immunitario attacca non solo un nemico esterno, ma anche il proprio corpo.

Dall’inizio dell’epidemia, è stato osservato che molti pazienti che finiscono in terapia intensiva hanno problemi infiammatori solitamente non associati a un’infezione virale, che si pensa sia correlata a La risposta del sistema immunitario è molto forte (Stiamo parlando di ” Tempesta di cellule Molte ricerche stanno ancora cercando di capire i meccanismi.

READ  Dobbs to join a NASA astronaut to answer STEM questions

Nel suo libro Sul sistema immunitario pubblicato nel 2010, il dottor Michael Starnbach, professore di microbiologia e genetica molecolare presso l’Università di Harvard, ha affermato che un’iperattività del sistema immunitario può portare a malattie autoimmuni, come il lupus, l’artrite reumatoide, il diabete e la sclerosi multipla.

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *