Prigionieri di guerra e loro bambini schiavi in ​​Corea del Nord

(Seoul) La Corea del Nord ha utilizzato per generazioni i prigionieri di guerra sudcoreani ei loro discendenti come lavoratori forzati in una vasta rete di miniere di carbone, secondo un’organizzazione per i diritti umani.


France Media

Pyongyang non ha rilasciato decine di migliaia di prigionieri di guerra sudcoreani dopo la guerra di Corea (1950-1953).

Figli e nipoti ridotti in schiavitù

Questi prigionieri di guerra furono assegnati alle miniere di carbone in condizioni simili alla schiavitù, ei loro figli e nipoti ereditarono questo destino brutale, secondo un rapporto della Citizens Alliance for United States Rights. Man in North Korea (NKHR), un’organizzazione non governativa con sede a Seoul, è stato rilasciato giovedì.

Clicca qui per visualizzare la testimonianza di un ex prigioniero di guerra sudcoreano.

Il cosiddetto sistema “songbun” della Corea del Nord classifica i cittadini in base alle loro origini sociali e politiche. L’assoluta lealtà alle autorità è un fattore cruciale, e coloro i cui predecessori hanno collaborato con il nemico giapponese o erano capitalisti sono in fondo alla scala.

Questo sistema è stato trasmesso (…) ai loro figli e nipoti, che continuano a lavorare nelle miniere di carbone, piombo, zinco, magnesite, ecc.

Un estratto dal rapporto dell’Alleanza dei cittadini per i diritti umani in Corea del Nord

“È loro vietato cambiare il luogo di residenza, lavorare o proseguire l’istruzione superiore”.

Pyongyang invase la Corea del Sud nel 1950 e fino all’armistizio centinaia di migliaia di soldati furono catturati su entrambi i lati della ZDC.

In base alla Convenzione di Ginevra del 1949, gli stati non possono tenere un prigioniero di guerra dopo la fine del conflitto, ma Pyongyang ha permesso il ritorno solo a 8.343 sudcoreani.

READ  Morte di George Floyd: il poliziotto ha usato una "forza letale" sproporzionata

Nel 2014, un rapporto delle Nazioni Unite ha stimato che almeno 50.000 prigionieri di guerra sudcoreani sono rimasti nel nord dopo la guerra e circa 500 erano ancora vivi.

Joanna Hosanek, l’autrice del rapporto, ha detto all’AFP che il governo di Seul aveva ignorato la loro situazione e che i cinque vertici li avevano dimenticati.

“Non ci sono informazioni né interesse” per questo caso in Corea del Sud, osserva.

La Corea del Nord afferma di rispettare i diritti umani e di aver rimpatriato tutti i prigionieri di guerra.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *