Presto confinato di nuovo?

L’8 marzo è stato contrassegnato da una data simbolica. Un anno fa, l’Italia ha istituito il suo sistema di contenimento, il primo paese in Europa a prendere una misura del genere. Un anno dopo, la storia corre il rischio di ripetersi. L’Italia ha quasi varcato la triste soglia delle 100mila vittime della pandemia, ricorda riverbero.

Tuttavia, questo divieto ha gravemente colpito il morale degli italiani e l’economia del paese, che ha subito un massiccio calo di circa il 9% del PIL nel 2020.

Ma oggi la parola tabù è stata usata di nuovo. È anche una raccomandazione del comitato tecnico e scientifico. L’obiettivo è rallentare la progressione delle variabili prima che il numero di casi vada fuori controllo.

Oggi l’Italia è sotto il coprifuoco alle 22:00. Quest’ultimo può essere offerto e restrizioni possono essere imposte anche alle escursioni del fine settimana. Ma Mario Draghi e il ministro della Salute Roberto Speranza potrebbero anche mettere l’Italia in tutta la zona rossa e quindi in isolamento per 3 settimane, portando alla chiusura di negozi non essenziali, parrucchieri, saloni di bellezza e scuole, secondo il rapporto. Decreto in vigore dal 6 marzo al 6 aprile.

READ  Gli italiani sono sempre eccitati, non gli importa cosa pensano 'Courtois o i belgi'

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *