Per la prima volta in Israele: è stata infettata dal vaiolo delle scimmie

Giovedì scorso, l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha dichiarato di aver visto una diminuzione del 21% dei nuovi casi

Domenica, il Ministero della Salute ha annunciato che a una donna era stato diagnosticato per la prima volta il vaiolo delle scimmie in Israele.

Si ritiene che abbia contratto l’infezione dopo essere entrata in stretto contatto con una persona sospettata di avere la malattia.

Finora, tutti i contagiati in Israele sono stati uomini. Il ministero della Salute ha inoltre riferito che finora sono state confermate infette 233 persone e circa 2.700 sono state vaccinate contro il vaiolo.

Il mese scorso, il ministro della Salute Nitzan Horowitz ha chiamato l’amministratore delegato dell’azienda farmaceutica danese Bavarian Nordic, che produce il vaccino, per richiedere nuove dosi.

In risposta, la società ha annunciato che Israele avrebbe ricevuto altri 8.000 vaccini contro il vaiolo delle scimmie.

Il ministero ricorda che le persone che mostrano sintomi o che sono state in stretto contatto con una persona infetta dovrebbero contattare il proprio medico e sottoporsi al test.

I test Monkeypox sono disponibili negli ospedali.

Giovedì scorso, l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha dichiarato di aver osservato un calo del 21% dei nuovi casi di virus del vaiolo delle scimmie registrati la scorsa settimana in tutto il mondo, poiché l’epidemia ha iniziato a rallentare in Europa.

READ  I migliori film di fantascienza da guardare su Netflix comodamente da casa tua

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.