Paolo Rossi: campione italiano del Mondo 1982, muore all’età di 64 anni

Paolo Rossi: campione italiano del Mondo 1982, muore all’età di 64 anni

Credito immagine, Immagini Getty

Commenta la foto, Paolo Rossi è diventato famoso in tutto il mondo dopo aver segnato una tripletta contro il Brasile nei Mondiali del 1982.

Il campione della Coppa del Mondo FIFA 1982 con la nazionale italiana, Paolo Rossi, è morto all’età di 64 anni, secondo la sua famiglia.

Rossi è diventato un nome familiare dopo aver guidato gli Azzurri alla vittoria del torneo in Spagna, diventando capocannoniere e nominato miglior giocatore.

A livello di club, si è affermato prima come marcatore prolifico al Vicenza, prima di approdare alla Juventus e poi al Milan.

I media italiani hanno annunciato la sua morte dopo una “lunga malattia”.

Da non perdere su BBC Africa:

La moglie di Rossi, Federica Cappelletti, ha postato sui social una foto dei due con la didascalia “Per sempre”.

Non ha rivelato la causa della sua morte.

Rossi ha segnato 20 gol in 48 presenze con la Nazionale italiana, e più di 100 gol in Serie A durante le sue esperienze con Vicenza, Perugia, Juventus, Milan e Verona.

“A volte non ci sono parole per esprimere il dolore che proviamo tutti”, ha detto il Vicenza, che Rossi ha contribuito a guadagnare la promozione in Serie A nel 1977.

Il Milan, dove ha giocato nella stagione 1985-86, ha detto che Rossi sarà “nei nostri ricordi per sempre”.

Dopo la sua prestazione ai Mondiali del 1982, gli venne assegnato il Pallone d’Oro, che all’epoca veniva assegnato al miglior calciatore d’Europa.

Il successo al Mondiale è stato per Rossi un “riscatto personale”.

L’italiano ha inciso il suo nome nel mondo del calcio con la sua prestazione ai Mondiali del 1982, anche se ha quasi mancato la competizione dopo essere stato coinvolto in uno scandalo di partite truccate.

Spiegazione video, Italia: non se ne sente parlare dal 1958

Rossi ha insistito sulla sua innocenza, ma gli è stato vietato di giocare a calcio per tre anni dopo essere stato accusato di coinvolgimento nello scandalo Totonero nel 1980.

La squalifica è stata ridotta a due anni in appello, il che significa che era disponibile per giocare ai Mondiali in Spagna.

Rossi in seguito descrisse la sua vittoria in questo torneo come un “riscatto personale”.

Il torneo è iniziato con un gemito dell’Italia e di Rossi. L’attaccante della Juventus non è riuscito a segnare nella prima fase a gironi, con l’Italia che ha pareggiato tutte e tre le partite.

Gli italiani sembravano lontani dai contendenti alla Coppa del Mondo, finché Rossi, le cui prestazioni sono state criticate, ha ritrovato la sua intensità sotto porta durante lo scontro cruciale con il Brasile nella seconda fase a gironi.

Rossi ha segnato una tripletta, regalando all’Italia una vittoria per 3-2 e l’accesso alle semifinali, poi ha segnato due gol contro la Polonia, mentre l’Italia si preparava ad affrontare la Germania Ovest in finale.

Un finale teso ha scosso l’Italia quando Paolo Rossi ha segnato il primo gol del secondo tempo, quando gli Azzurri hanno vinto 3-1 e sono diventati campioni del mondo per la terza volta.

Paolo Rossi in azione

Credito immagine, Alessandro Sabatini

Commenta la foto, Paolo Rossi, giocatore dell’Hellas Verona, gareggia con Pietro Berwato, giocatore del Torino, durante una partita del campionato italiano nella stagione 1986-1987 in Italia.

Rossi ha poi detto della vittoria: “Da un lato mi sentivo bene. Mi sono detto: ‘ce l’ho fatta.'”

“D’altra parte mi è dispiaciuto che tutto sia finito così. [Mais] Quando vinci qualcosa di importante, non conta solo il trofeo. “Riguarda il girone che hai vinto, riguarda tutta la tua carriera che ti ha portato lì.”

Un’icona Rossi, parte della storia italiana

La vittoria dell’Italia ha suscitato un’ondata di emozioni nel Paese, portando unità e gioia nazionale in un momento in cui il Paese stava attraversando disordini politici e sociali.

Il giornalista italiano Daniele Ferri afferma che queste immagini di Rossi e dei suoi compagni di squadra come campioni del mondo rimarranno per sempre radicate nella cultura del paese.

“Siamo rimasti tutti scioccati qui perché Paolo Rossi è una figura di spicco del calcio italiano”, ha detto Ferri alla BBC.

“Fa parte della storia italiana che va oltre il calcio. Per chi ha avuto la fortuna di vederlo giocare ai Mondiali del 1982, non potremo mai dimenticare quello che ha fatto”.

“Le foto di Spagna 82 fanno parte della cultura italiana.”

You May Also Like

About the Author: Fina Lombardi

"Fanatico della cultura pop. Ninja zombi estremo. Scrittore professionista. Esperto di Internet".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *