Olivier Dacourt sul razzismo negli stadi: “Identifichiamo l’autore, lo catturiamo e lo liberiamo”

Olivier Dacourt sapeva tutto durante la sua carriera. Le gioie della squadra francese, la Ligue 1 al Lens e allo Strasburgo, la Premier League inglese all’Everton o al Fulham, il campionato italiano con Inter e Roma… ma anche Razzismo negli stadi, negli stadi. dopo gli insulti Di Samuel Umtiti, questo mercoledì, Si è detto che in Italia o in Francia la battaglia era la stessa.

Qual è la tua prima reazione dopo i fatti di mercoledì a Roma?

OLIVIER DACOURT. Non è più una sorpresa. È come se la gente fosse sorpresa che il razzismo persista. Sia in Italia che in Francia, la stessa cosa. Quando vediamo cosa può creare La polemica che circonda il film Omar C… Si capisce che non è solo in Italia, che non è solo nel calcio.

L’ex nazionale francese Olivier Dacourt è il coautore del documentario I’m Not a Monkey. Giornalismo sportivo / Pierre Lahal

Come facciamo a far sparire il razzismo dagli stadi di calcio?

intolleranza. Possiamo vedere che quando vogliamo imporre sanzioni su determinati argomenti, lo facciamo. Oggi puoi essere apertamente razzista e non essere punito. Se una persona razzista non viene condannata nella vita di tutti i giorni, all’arrivo allo stadio può fare quello che vuole. Lo stadio ha abbastanza telecamere e guardie di sicurezza per sapere chi ha fatto cosa. Conosciamo l’autore, veniamo, lo cerchiamo e lo lasciamo andare. Se la società non tira i rigori contro i tifosi, è necessario togliere punti ed essere esclusi dalle competizioni europee…

C’è un paese in cui l’argomento è stato ben trattato?

Se c’era un paese eccezionale in questo senso, era l’Inghilterra. Non succede più lì. Di recente, un fan è stato bandito a vita perché Ha preso in giro Son, il giocatore del Tottenham. Scoraggia, questo è il principio. Ci sono pene di tre o quattro anni, anche la vita. Abbiamo bisogno di esempi. In Inghilterra ci riuscirono, ma in Francia e in Italia fu la stessa battaglia. Non abbiamo nessuna lezione da dare all’Italia sul razzismo. Abbiamo esattamente le stesse persone negli stadi.

READ  L'Italia calpesta, tedeschi, spagnoli e inglesi si aprono

Hai giocato più di 150 partite in Italia, sei stato vittima di razzismo?

Ha giocato nella Roma e nell’Inter. Ero il loro giocatore quindi ovviamente sono un po’ più facili con noi. La differenza è che quando sono entrato in campo non mi importava cosa mi dicevano. Ho subito la stessa discriminazione in Francia da quando ero giovane e sono abituato a tutto. Devi capire cosa sta succedendo in Francia dopo un po’. Quando Chumene va in vantaggio contro l’Inghilterra nei quarti, è incredibile. La sua punizione era persa, quindi lo insultiamo? Devi vedere tutte le scimmie e le parolacce sui social network… Non sono stati gli italiani ad essere offesi. Loro sono francesi. Forse l’italiano non si nasconde dietro il suo paravento.

You May Also Like

About the Author: Fina Lombardi

"Fanatico della cultura pop. Ninja zombi estremo. Scrittore professionista. Esperto di Internet".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *