Nin-Nin, la morbida bambola bordeaux che continua a crescere

Inserito il 4 novembre 2021, 16:08

La bellissima avventura Nin-Nin continua. La coperta creata da Nicolas Courage nel 2016, inizialmente destinata a suo figlio, viene adottata da sempre più bambini in Francia, ma anche all’estero. Disponibile in diverse forme e colori, questo peluche è anche personalizzabile con ricamo e le sue grandi orecchie da coniglio sono “super morbide e facili da prendere in mano per i bambini”, spiega il suo creatore.

A 42 anni, questo ex tecnico informatico di Le Creusot (Saône-et-Loire), già nel mondo dei giochi, è ora completamente dedicato al marchio insieme alla sua partner, Clémence Berruyer, che si occupa della gestione operativa e commerciale. Perché l’azienda sta crescendo rapidamente. Abbiamo raddoppiato il nostro volume di vendite ogni anno. Dovremmo raggiungere i 700.000 euro quest’anno e puntare a 1,2 milioni l’anno prossimo”.

Negozi e app

Crescita che richiede una maggiore presenza fisica. Finora, Nin-Nin è distribuito solo online ed è sugli scaffali dei distributori dallo scorso giugno. Il marchio è oggi presente in una cinquantina di negozi, con l’obiettivo di raggiungere i 200 punti vendita il prossimo anno. Nicolas Courig intende soprattutto aprire una propria rete di negozi, con sedi primarie a Parigi, Lione e Marsiglia.

Non sarà però trascurata la tecnologia digitale, visto che l’applicazione dovrebbe vedere la luce entro la fine del 2021, dedicato alla genitorialità e sempre con l’accento esotico che ha fatto l’identità del marchio.

gamma in crescita

Anche la gamma è destinata ad ampliarsi. In primis sui giochi amati, con regionali (Corsica, Paesi Baschi, Bretagna, ecc.) e nazionali (Portogallo, Senegal, Italia, ecc.) Così la Borgogna Nin-Nin è stata decorata con una mucca Charolais, un grappolo d’uva e una lumaca.

READ  F1: In Bahrain, tre brevi giorni di test di adattamento

Anche altri prodotti completano il negozio, sia per i bambini (bavaglini, cappelli, ciabatte e presto sacchi a pelo e piastrelle), ma anche per i loro genitori. “Per loro, stiamo pensando di lanciare una collezione di abbigliamento per la casa con lo stesso materiale da gioco morbido”, afferma Nicholas Courig.

Fatto in Francia

I prototipi saranno testati con il pubblico alla prossima Fiera del Made in France (MiF Expo), che si terrà dall’11 al 14 novembre a Parigi. Nin-Nin presenterà la sua esperienza lì per la terza volta. “Fin dall’inizio, ci siamo concentrati sulla produzione del ‘Made in France’. Alcune delle nostre materie prime non provengono ancora dal paese, ma tutto è realizzato nel nostro laboratorio a Le Creusot. L’azienda impiega 9 persone per produrre circa 40mila peluche all’anno”. Tanti gli argomenti che probabilmente gli permetterebbero di vincere il Grand Prix du public di quest’anno al MiF Show.

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *