Nick Kyrgios pensa che la sua reputazione di “cattivo ragazzo” sia ancora rimasta con lui

L’australiano Nick Kyrgios ha attenuato la sua immagine del tennis negli ultimi mesi, ma dice che la sua reputazione non è cambiata.

Spesso criticato per la sua mancanza di impegno in allenamento – e talvolta, a metà partita – il 22esimo al mondo ha scambiato la sua racchetta e il lancio degli stivali per un gioco forte e stabile nella seconda metà del secondo tempo. stagione.

Ha pagato. Raggiunto la finale a Wimbledon, i quarti di finale agli US Open, Kyrgios ha scalato la classifica fino a raggiungere il limite della top 20, che era 114° all’inizio dell’anno.

“Siamo un cattivo esempio”

L’australiano è anche a Torino per le ATP Finals. Non singoli, ma doppi. La disciplina è poco esercitata, ma ben fatta. Soprattutto con il suo connazionale e amico Tanase Kokinakis, che al suo fianco ha deliziato gli australiani alzando il trofeo a Melbourne a gennaio.

Ma nonostante il successo di questa stagione, il 27enne non pensa che l’opinione pubblica sia cambiata. Anche se il “cattivo ragazzo” ha avuto il supporto di gran parte del pubblico a Flushing Meadows qualche settimana fa.

“[Lundi] Al mattino c’erano molti ragazzi e bambini che venivano a vederti giocare. Siete i loro idoli. Come ti senti a riguardo?

“Siamo un cattivo esempio”, rispose Kyrgios. Siamo pessimi nello sport. A nessuno piace vederci suonare. Non siamo i preferiti dalla folla. Quindi non credo che la tua affermazione sia corretta. Nessuno è venuto a vederci suonare.

Canzone dei Backstreet Boys

Era serio, sarcastico o sarcastico, il ragazzaccio del tennis? difficile da dire. Ma una cosa è certa: ama l’Italia insieme al suo caro amico.

Prima della partita, Kyrgios è sceso in campo, dicendo ai Backstreet Boys “Lo voglio così”, mentre Kokkinakis guarda avvilito.

READ  La Roma allunga il brutto passaggio all'Inter

“L’esperienza è fantastica”, ha detto. Thanasi e io non avremmo mai pensato di essere nelle finali ATP. Abbiamo sempre pensato di poter fare delle belle cose insieme, ma abbiamo giocato solo sei o sette eventi di doppio…”

You May Also Like

About the Author: Fina Lombardi

"Fanatico della cultura pop. Ninja zombi estremo. Scrittore professionista. Esperto di Internet".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.