nell’Italia meridionale, l’Etna e il Vesuvio non hanno più il monopolio del pericolo

Quando si parla di vulcanismo nell’Italia meridionale, spiccano costantemente due nomi: Etna e Vesuvio, avendo già fatto danni in passato. Tuttavia, un altro mastodonte trovato questa volta sott’acqua potrebbe fare il suo in futuro: il Marsili.

Un imponente vulcano sottomarino

L’Etna (3.323 m) e il Vesuvio (1.281 m) sono due vulcani situati rispettivamente in Sicilia e vicino a Napoli. Il primo è in eruzione dal 2013 e il secondo è famoso per avere distrusse la città di Pompei nel 79 d.C. Come un articolo di Futuro della BBC il 2 agosto 2021 un terzo vulcano potrebbe ben scuotere questo monopolio del pericolo nel sud Italia. Il vulcano Marsili si trova a 175 km a sud di Napoli ed è alto circa 3.000 metri. La sua base è molto impressionante: 70 km di lunghezza e 30 km di larghezza.

Marsili è senza dubbio il vulcano attivo più grande del continente europeo ma è piuttosto discreto per un’ovvia ragione. Infatti, questo è nel Mar Tirreno a una profondità di 500 metri. Questo mastodonte fa parte di un arco vulcanico (l’arco delle Eolie), una successione di vulcani che ha formato anche diverse masse di terra come le Isole Eolie.

Il vulcanologo Guido Ventura e il suo team dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV) in Italia hanno pubblicato uno studio sulla rivista Rapporti scientifici nell’aprile 2020. Il Marsili sarebbe nato un milione di anni fa. Avrebbe accumulato non meno di 80 coni eruttivi nel corso dei millenni, lungo numerose fratture e fessure che possono rilasciare lava.

Crediti: INGV / Guido Ventura

Rischi significativi

Per la sua profondità, il Marsili è unico conosciuto dall’inizio del XX secolo, quando sono apparse per la prima volta le mappe dei bacini marittimi. Va notato che lo sviluppo di alcune tecnologie è stato il motore di questa scoperta, compreso l’uso più frequente di sottomarini. Possiamo anche menzionare la comparsa di nuovi sistemi di comunicazione come i cavi telegrafici, che dovevano essere installati in fondo al mare. Negli anni ’20 il Marsili fu intitolato all’erudito Luigi Fernando Marsili, autore del primo trattato sul mare. ‘idrografia.

READ  L'Italia celebra i 700 anni dalla morte di Dante con centinaia di eventi

Le prime ricerche su Marsili sono iniziate molto tardi, negli anni 2000. I vari studi stimano che si sia verificata l’ultima eruzione di questo vulcano qualche migliaio di anni fa. Oggi la sua attività è minima: alcune emissioni di gas, brontolii e deboli scosse. I ricercatori spiegano anche che in caso di una massiccia eruzione, la lava e la cenere prodotte sarebbero soffocato dalla massa d’acqua. C’è quindi pochissimo rischio che una tale eruzione raggiunga la terra, e quindi la popolazione locale.

Tuttavia, il pericolo è molto presente. I vari studi suggeriscono che i rischi sono legati a possibili frane sottomarine. In caso di scossa sismica che provochi il crollo di uno dei fianchi del Marsili, il volume d’acqua si è spostato potrebbe generare un grande tsunami. Tuttavia, oggi è impossibile prevedere la possibile imminenza di un disastro. Pertanto, gli scienziati attualmente chiedono nuove tecnologie per monitorare l’attività della regione.

You May Also Like

About the Author: Cosimo Fazio

"Evangelista di zombi. Pensatore. Creatore avido. Fanatico di Internet pluripremiato. Fanatico del web incurabile."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *