NASA: come previsto, la sonda DART si è scontrata con un asteroide

Negli ultimi istanti prima della collisione, non potevano più inviare comandi alla sonda, ma tutti nella stanza sapevano che il loro obiettivo sarebbe stato raggiunto. (Foto: La stampa canadese)

Cape Canaveral – Una sonda spaziale della NASA si è schiantata con successo contro un asteroide alla velocità della luce lunedì notte in una missione per prepararsi a un momento in cui una roccia del genere avrebbe messo in pericolo la Terra.

Questa impresa scientifica è avvenuta a circa 10 milioni di chilometri dalla Terra. La sonda spaziale denominata Dart si è scontrata con il piccolo e innocuo asteroide a più di 22.500 km/h, intorno alle 19:14, come previsto.

Gli scienziati si aspettavano che la collisione avrebbe scavato un cratere, lanciato rocce nello spazio e, soprattutto, avrebbe cambiato l’orbita dell’asteroide.

I telescopi di tutto il mondo puntano nello stesso punto del cielo per catturare la vista. Nelle immagini live fornite dalla NASA, l’effetto era evidente.

L’asteroide, che all’inizio rappresentava solo un sottile punto bianco su sfondo nero, riempì rapidamente lo schermo, indicando che la sonda era appena entrata in contatto con esso. In quel momento il segnale inviato da Dart si fermò improvvisamente.

Nel frattempo, i membri del team della missione si sono riuniti nella sala di controllo, guardando lo spettacolo eccitati. Negli ultimi istanti prima della collisione, non potevano più inviare comandi alla sonda, ma tutti nella stanza sapevano che il loro obiettivo sarebbe stato raggiunto.

“Effetto confermato!” Il capo della spedizione Elena Adams strillò, sobbalzò con le braccia in aria.

Gli osservatori hanno applaudito, abbracciato e applaudito. La loro missione è completa e il team di Dart entra direttamente in modalità celebrazione. Nessuno è rimasto deluso dalla “morte” dell’inchiesta.

READ  Lenovo Legion S7 16ARHA7, Laptop da gioco sottile e leggero da 16″ 2.5K 240Hz AMD Rembrandt + Radeon RX 6800S Nomad 9h

“Era il suo destino”, ricorda il direttore meccanico della Johns Hopkins Betsy Congdon.

Un piccolo satellite lo ha seguito pochi minuti dopo per scattare foto della collisione. L’italiana Cubesat si è separata da Dart due settimane fa.

Gli studiosi hanno insistito sul fatto che Dart non avrebbe rotto Demorphos. La sonda pesa solo 570 chilogrammi, mentre l’asteroide pesa 5 miliardi di chilogrammi. La sonda doveva essere ancora abbastanza pesante da ridurre l’orbita dell’asteroide.

“Per quanto ne sappiamo, il nostro primo test di difesa planetaria è stato un successo”, ha detto in serata ai media il capo della missione Adams.

Julie Bellrose, che è del Quebec, ha partecipato a questa missione come capo della navigazione.

“C’è stata molta emozione negli ultimi momenti determinanti”, ha confermato la signora Bellrose in una conferenza stampa. Abbiamo avuto alcune sorprese nelle ultime settimane, quindi abbiamo stretto amicizia.

“È stato davvero confortante vedere che tutto è andato davvero bene e, dal punto di vista della navigazione, tutto è andato davvero bene”.

Tuttavia, l’ingegnere ha ammesso di aver versato una piccola lacrima quando la sonda ha colpito l’asteroide.

Anche se l’impatto fosse evidente, ci sarebbero voluti giorni, se non settimane, per determinare quanto il percorso dell’asteroide fosse stato alterato.

La missione da 325 milioni di dollari è stato il primo tentativo di cambiare la posizione di un asteroide o di un altro oggetto naturale nello spazio. La sonda è stata lanciata nel novembre 2021.

– Con informazioni da The Canadian Press e The Associated Press

You May Also Like

About the Author: Adriano Marotta

"Pluripremiato studioso di zombi. Professionista di musica. Esperto di cibo. Piantagrane".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.