Muore Totò Cutugno, indimenticabile traduttore di “Un Italiano vero”.

Muore Totò Cutugno, indimenticabile traduttore di “Un Italiano vero”.

Il cantante italiano Toto Cutuno, famoso in Italia e all’estero per la sua canzone “Un Italiano vero” e per il suo trionfo all’Eurovision del 1990 con “Insieme: 1992”, è morto martedì all’età di 80 anni a Milano, secondo il suo manager.

Secondo l’agenzia ANSA, Danilo Mancuso: “Dopo aver sofferto a lungo per una malattia, le condizioni del cantante sono peggiorate negli ultimi mesi”. Il premier Giorgia Meloni ha subito risposto su X (ex Twitter): “Ciao a Toto Cutugno, un Italiano vero”.

Il suo più grande successo risale al 1983: “Un Italiano vero” (chiamato anche semplicemente “L’italiano”) è stato il numero uno delle classifiche in Italia e Svizzera, e il numero due in Francia. La canzone piace anche al pubblico di Israele, Iran e Corea del Sud.

Il potente ritornello di questa intramontabile canzone è ancora seguitissimo alla radio: “Lasciatemi cantare con la chitarra in mano, lasciatemi cantare, sono un italiano”. “). ).

Il clip della canzone, girato sugli Champs-Élysées a Parigi, è una serie di scatti caricaturali dell’Italia e degli italiani: vediamo il cantante gustarsi la pasta e flirtare con la cameriera.

Nel 1990 ha vinto l’Eurovision Award per “Insieme: 1992”, una canzone sull’Europa. Dopo Gigliola Cinquetti nel 1964, divenne il secondo italiano a vincere l’Eurovision. Con quest’ultimo l’anno successivo presenta la trasmissione della gara svoltasi a Roma.

Nato il 7 luglio 1943, Salvatore Cutugno, detto Toto Cutugno, ha composto per molti cantanti francesi, soprattutto negli anni ’70: da Michel Sardou (“En chantant”) a Mireille Mathieu, passando per Gérard Lenormand, Joe Dassin, Johnny Hallyday, Hervé Villard. E Sheila.

Il cantautore, i cui funerali si terranno giovedì a Milano, ha partecipato per 15 volte anche al Festival della Canzone di Sanremo, un vero e proprio festival della penisola che ogni anno viene seguito da milioni di telespettatori. Riportò la versione del festival nel 1980 intitolata “Solo noi”.

READ  Marlene Dietrich: E il cinema ha creato il mito Sinfonia cinematografica

Secondo il quotidiano Il Corriere Della Sera, durante la sua carriera ha venduto più di 100 milioni di dischi.

You May Also Like

About the Author: Drina Lombardi

"Analista. Creatore. Fanatico di zombi. Appassionato di viaggi. Esperto di cultura pop. Appassionato di alcol".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *