Mubasher – Afghanistan: il capo della diplomazia Usa in Qatar la prossima settimana

I talebani mostrano “nessun segno” di cambiamento

I talebani non hanno inviato “nessun segno” di cambiamento da quando sono tornati al potere a Kabul, ha dichiarato il ministro degli Esteri Jean-Yves Le Drian in un’intervista a figaro Verrà rilasciato venerdì. “Al momento, non abbiamo alcuna indicazione che stiano andando in questa direzione”, che si tratti di “una completa separazione da qualsiasi organizzazione terroristica”, di rispetto dei diritti delle donne o di “sollevamento di ostacoli per coloro che vogliono lasciare il Paese”, Egli ha detto.

Ha aggiunto che il Quai d’Orsay continua quindi a “raccogliere tutte le segnalazioni di persone a rischio” che potrebbero fuggire dall’Afghanistan, riconoscendo che ci sono ancora “persone” che escono nonostante il volo aereo si sia concluso dopo il ritiro degli Stati Uniti ad agosto. 31. “La nostra priorità è trovare nuove vie d’uscita il più rapidamente possibile”, ha osservato Jean-Yves Le Drian. “L’ideale è riaprire l’aeroporto di Kabul con misure di sicurezza”, ha aggiunto, senza fornire ulteriori dettagli.

Giovedì, il Qatar ha annunciato di lavorare con i talebani per riaprire l’aeroporto “il prima possibile”, un’importante questione strategica e umanitaria che è stata chiusa dalla partenza degli americani. “La lezione dell’Afghanistan è che non si può imporre un metodo per governare dall’esterno con la forza armata un Paese quando non ha l’ampio sostegno del popolo e della sua classe politica”, ha detto il capo della diplomazia francese, interrogandosi sui risultati. . Vent’anni di presenza americana in Afghanistan. Ma ha negato qualsiasi confronto con la situazione dell’esercito francese nel Sahel. “Siamo lì su richiesta delle autorità locali. Infine, non abbiamo lasciato la costa”, ha osservato.

READ  Guillaume Boivin alla riscossa in Italia

Jean-Yves Le Drian ha anche visto che il quadro disastroso lasciato dalla partenza degli Stati Uniti dall’Afghanistan non avrebbe necessariamente sollevato interrogativi sulla potenza americana. “Contrariamente a quanto scrivono molti editori, non credo che l’Afghanistan sia sinonimo di declino americano”, ha detto. “Nel 1975 (quando Saigon cadde), fu annunciata la fine dell’impero americano. L’esatto contrario accadde negli anni ’80, un periodo di forte crescita negli Stati Uniti”.

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *