L’Italia confisca una villa da 100 milioni di euro legata al pilota russo Mazepin

Lunedì le autorità italiane hanno annunciato di aver sequestrato una villa del valore di oltre 100 milioni di euro legata al pilota russo Nikita Mazepin, nell’ambito delle sanzioni economiche imposte alla Russia a seguito dell’invasione dell’Ucraina.

• Leggi anche: Karting: Aperta inchiesta dalla FIA dopo il saluto nazista al pilota russo

• Leggi anche: [EN DIRECT] Il 47° giorno di guerra in Ucraina: ecco gli ultimi sviluppi

• Leggi anche: Inizia la battaglia decisiva

Un funzionario del governo ha detto che l’ordine di amministrazione controllata riguarda la villa di Roque Ram a Porto Cervo, in Costa Smeralda, nel nord-est della Sardegna.

Questa villa, del valore di oltre 100 milioni di euro, è legata a Nikita Mazepin, un pilota di 23 anni recentemente licenziato dal team americano Haas di Formula 1, e suo padre Dmitry Mazepin, un chimico miliardario russo.

Dmitry e Nikita Mazepin erano tra le centinaia di oligarchi e parlamentari russi inseriti nella lista nera dell’Unione Europea.

Dall’invasione dell’Ucraina da parte di Mosca, l’Italia ha bloccato la vendita di immobili per centinaia di milioni di euro, comprese ville e yacht di lusso legati agli oligarchi russi.

READ  Italia: una star del cinema per adulti viene brutalmente uccisa

You May Also Like

About the Author: Drina Lombardi

"Analista. Creatore. Fanatico di zombi. Appassionato di viaggi. Esperto di cultura pop. Appassionato di alcol".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.