L’Hôtel Montréal en Lumière svela il suo dipartimento gastronomico – HRImag: hotel, ristoranti e stabilimenti

Credito immagine: Benoit Rousseau / La Chronique / Montréal en lumière

Montreal en Lumiere, che si terrà dal 17 al 27 febbraio, ospiterà nuovamente una sezione gastronomica nei ristoranti e negli hotel della capitale. Le attività saranno organizzate intorno al tema “Assaggia il nostro Nord”. Per approfondire questo argomento, il festival ha dedicato un posto d’onore alla gastronomia e agli chef aborigeni: Laysan Obomasauwen, Rich Francis, Sheila Flaherty, Norma Kondo, Joseph Schwana, Sean Sherman, Maxime Lisault, Sean Adler e Nick. La proprietà del vino Mip ne farà parte. Questo componente sarà il portavoce di Marie-Yves Bordeleau, commissario per i rapporti con i popoli indigeni della città di Montreal.

Quest’anno, Bonnes Tables Air France riunirà chef, viticoltori e produttori di qui e altrove. Il festival accoglierà gli chef di livello mondiale Remy Havitz, Charles Colombo, Pam Young e Bo Beach, gli chef stellati Michelin Julien Royer e Andy Dubrava e lo chef di Toronto Nick Liu, nonché gli chef del Quebec Stéphane Modat, Martin Jany e Dominique Labelle. I viticoltori Harald Thiel (Hidden Seat), Marc Hesma, Fabian e Gilles Reuben saranno all’appuntamento.

A Montreal, i ristoranti partecipanti sono Au Petit Extra, Auberge Saint-Gabriel, Bar George, Beau Mont, Bistro Lustucru, Bivouac Lounge Boréal, Chez Alexandre et Fils, Chez Sophie, Chez Victoire, Etat-Major, H3, Helena, Ikanos, Europa , Josephine, Kamui, Kitchen Gallery, La Chronique, La Supremisa, Labo Colinaire, Le Musso, Le Virunga, Maison Boulud, Marcos, Mustard, Monarch, Mon Labine, Okia, Osko! , Portus 360, Renoir, Restaurant de l’ITHQ, Restaurant Lloyd, Restaurant Pastel e Rosélys.

Il ritorno di Couette & Gastronomie e tante novità

Dallo scorso anno tornano i nuovi pacchetti Bed & Breakfast. Concetto: Grazie ai collegamenti tra albergatori e ristoranti, i frequentatori del festival possono vivere un’esperienza gastronomica nelle loro camere o nel ristorante dell’hotel. Quest’anno partecipano una decina di albergatori: Auberge du Vieux-Port X Gaspar, Boxotel, Double Tree by Hilton, Hotel 10, Hotel Delta, Hotel Marriott Château Champlain, Hotel Monville, Hotel Nelligan, Hotel Place d’Armes, Hotel ZERO1, Hotel William Gray e Saint Sulpice.

READ  Star arriva a Disney Plus e questi sono i film e le serie che puoi goderti

Inoltre, il festival introduce qualcosa di nuovo quest’anno: il pacchetto Montreal-en-Lumiere Experience. Ciò include due notti (Double Tree by Hilton o Hôtel Monville), pasti e una festa Pierre Lapointe il 18 febbraio al Théâtre Maisonneuve. Tra le novità ricordiamo anche un’attività movie-to-table, con Studio Ghibli, una collaborazione tra Montréal en Lumière, il giapponese MTL Yatai Festival e il Cinéma du Parc. Il concept: Durante il festival, il cinema proietterà sei film dello Studio Ghibli e decine di ristoranti giapponesi di Montreal aggiungeranno al loro menu un piatto emblematico tratto da uno di questi lungometraggi.

Tastet Gourmet Tours offre un tour di Montreal e buoni indirizzi in base agli argomenti selezionati. Gli itinerari di quest’anno includono Francia, Italia, vero vino e sakè, Giappone e Medio Oriente. Le Quartier gourmand, in collaborazione con Place des Arts, tornerà con un programma di incontri, workshop, presentazioni, ecc.

Per seguire Montreal en Lumiere:

Parole chiave:

06 Montreal
Eventi
cuochi
HRI – Generale

You May Also Like

About the Author: Drina Lombardi

"Analista. Creatore. Fanatico di zombi. Appassionato di viaggi. Esperto di cultura pop. Appassionato di alcol."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *