L’economia della zona euro è migliorata grazie alle vaccinazioni

(Bruxelles) “La ripresa non è più un miraggio: è in atto”: La Commissione Europea guarda ora con ottimismo al futuro economico dell’Eurozona, grazie a una campagna di vaccinazioni finalmente sulla buona strada e ad un ambizioso piano di riavvialo.


Clement Zamba
France Media

L’amministratore delegato europeo ha notevolmente aumentato le sue previsioni di crescita nel 2021 e nel 2022 mercoledì per i 19 paesi che hanno adottato la moneta unica: dopo una recessione senza precedenti del 6,6% nel 2020, l’attività dovrebbe crescere del 4,3% quest’anno, quindi del 4,4% il prossimo anno – Rispetto al 3,8% di questi due anni nella sua ultima stima di febbraio.

Tuttavia, l’epidemia non sarà priva di conseguenze: il debito pubblico dei governi, che spendono generosamente per contenere i danni associati al virus, si è ampliato, raggiungendo un livello superiore al 100% del PIL dell’intera zona euro.

Il vicepresidente della Commissione europea Valdes Dombrovskis ha commentato: “Sebbene non siamo ancora fuori dalla fase di pericolo, le prospettive economiche per l’Europa stanno migliorando in modo significativo”.

Il rinnovato ottimismo dell’esecutivo europeo si spiega in particolare con l’aumento dei tassi di vaccinazione in Europa, dopo un inizio difficile, e l’allentamento delle misure restrittive che ne sono seguite.

Secondo la Commissione, la crescita nella zona euro “sarà trainata dai consumi privati, dagli investimenti e dall’aumento della domanda di esportazioni dell’UE da parte della crescente economia globale”.

Gli Stati Uniti potrebbero già registrare una crescita del 7% nel 2021, il ritmo più veloce dall’inizio degli anni ’80, e la Cina mostra numeri con la stessa maleducazione.

READ  Moncler supera i consensus nel quarto trimestre grazie alle vendite in Asia

Per mettersi al passo con Washington e Pechino, l’Unione Europea si affida a un piano di stimolo da 750 miliardi di euro finanziato da un prestito sindacato.

Dombrowskis ha promesso che questo piano “contribuirà alla ripresa e farà un vero punto di svolta nel 2022, quando gli investimenti pubblici raggiungeranno il livello più alto in più di dieci anni”.

“Molti rischi”

Gli Stati membri, che hanno presentato i loro piani di stimolo nei giorni scorsi a Bruxelles, potrebbero ricevere i primi soldi a luglio.

Il commissario lettone ha sottolineato che “c’è ancora molto lavoro da fare e ci saranno molti rischi che graveranno su di noi finché l’epidemia sarà presente”.

Spagna (+ 5,9%) e Francia (+ 5,7%), particolarmente colpite nel 2020, mostrano i tassi di crescita più elevati nel 2021 secondo le stime della Commissione.

Più moderata la crescita in Germania (+ 3,4%) e nei Paesi Bassi (2,3%), meno colpiti lo scorso anno.

Nell’Unione europea nel suo insieme, il tasso di crescita dovrebbe raggiungere il 4,2% nel 2021 e il 4,4% nel 2022.

“La ripresa non è più un miraggio: è in corso. Dobbiamo evitare gli errori che potrebbero metterla a rischio, ovvero il ritiro anticipato del sostegno” dell’attività, come sottolinea il commissario all’Economia, Paolo Gentiloni.

Tuttavia, una volta usciti dalla pandemia, i governi dovranno affrontare un livello di debito molto alto del 102,4% del PIL quest’anno, quindi del 100,8% nel 2022 per l’intera zona euro.

Tuttavia, secondo le regole di bilancio del Patto di stabilità – attualmente sospeso a causa della pandemia e che potrebbe rimanere tale nel 2022 – il debito in linea di principio non dovrebbe superare il 60% del PIL.

READ  Il Milan pareggia con la Sampdoria

Questo debito pubblico è particolarmente elevato in Grecia (208,8% nel 2021) e in Italia (159,8%). Il debito francese dovrebbe raggiungere il 117,4% del PIL nel 2021, quindi il 116,4% nel 2022.

Paolo Gentiloni lo pone nella giusta prospettiva: “Senza le misure politiche decisive per contenere l’epidemia e limitarne le ricadute economiche, l’impatto della crisi sul bilancio nel lungo periodo sarà molto peggiore”.

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *