Lancio a Roma dell’Unione delle Associazioni degli Algerini in Italia

Durante il lancio dell’Unione delle Associazioni degli Algerini in Italia. MR/AP

Da Roma, Mourad Rouighi – Provenienti dai quattro angoli della penisola, gli algerini d’Italia sono stati molto orgogliosi ieri di celebrare il 60° anniversario del 19 marzo 1962, lanciando a Roma l’Unione delle Associazioni Algerine in Italia (UAAI).

Una prima nel suo genere, tra cui la Francia, che dimostra il dinamismo di questa comunità presente ovunque in questo Paese vicino e amico e ben intenzionata a svolgere il ruolo di ponte e vettore di amicizia tra i due Paesi.

La cerimonia di inaugurazione, avvenuta in un’atmosfera bonaria, animata di volta in volta da canti patriottici e poemi epici, ha visto la partecipazione della Sig.ra Taous Haddadi Djellouli, inviata speciale responsabile della comunità residente all’estero, e dell’ambasciatore algerino in Italia, Abdelkrim Touahria, oltre a un centinaio di rappresentanti di associazioni presenti nelle varie regioni d’Italia.

Il delegato di governo si è congratulato con il presidente dell’UAAI, Farid Mansouri, per la nascita di questa Unione, che unirà le associazioni attive in Italia, e ha salutato a lungo la scelta fortemente simbolica del 19 marzo per questa prima nel suo genere, l’inizio di un rapporto sinergico tra gli algerini residenti in Italia e la madrepatria.

Ha anche ricordato che uno dei primi capitoli per la costruzione di una nuova Algeria è proprio l’evidenziazione del valore aggiunto che la nostra comunità algerina rappresenta all’estero, a tutti i piani ea tutti i livelli.

Da parte sua, l’Ambasciatore Abdelkrim Touahria ha sottolineato che l’azione a favore della nostra diaspora nazionale è stata fin dall’inizio al centro del programma del Presidente della Repubblica, Abdelmadjid Tebboune, che ha, in più occasioni, chiesto una legislazione nel senso di una maggiore dinamica di inclusione e integrazione della nostra comunità all’estero nei processi politici ed economici.

READ  Anteprima Grecia - Italia: gli italiani riescono a fermare il mostro Giannis?

«E il fatto che ci ritroviamo tutti insieme in questa data ricca di storia, che ricorda i sacrifici dei nostri valorosi martiri e i tormenti subiti dai nostri antenati, dimostra il vostro attaccamento allo spirito patriottico che intendete concretizzare attraverso questa Unione che, io sono convinto di questo, sarà un asset importante attorno al quale costruire e costruire strumenti di approccio nei nostri rapporti con i nostri amici italiani”, ha concluso.

SIG

You May Also Like

About the Author: Cosimo Fazio

"Evangelista di zombi. Pensatore. Creatore avido. Fanatico di Internet pluripremiato. Fanatico del web incurabile".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.