La Tunisia vincerà la causa sui rifiuti italiani

La questione italiana dei rifiuti e lo stato di avanzamento dei progetti di infrastrutture stradali sono stati al centro dell’intervento di martedì mattina 20 aprile 2021 del ministro delle Attrezzature, dell’edilizia abitativa e delle infrastrutture e del ministro ad interim per gli affari locali e l’ambiente, Kamal Duch.

Il ministro ha spiegato al microfono Hamza Belloumi nel suo programma La Matinale su Shams FM, che la questione dei rifiuti italiani è soggetta a due convenzioni internazionali firmate dalla Tunisia, la Convenzione di Basilea e di Bamako, che vietano l’esportazione dei rifiuti domestici.

La cosa più difficile, dice, è dimostrare che le due società non seguono la legge. Certo, la società italiana sta cercando di guadagnare tempo avviando varie procedure legali, ma tutti i tribunali italiani si sono pronunciati a favore della posizione della Tunisia e hanno emesso sentenze che obbligano la società a rispedire i rifiuti in Italia. Certo, le scadenze vengono posticipate ad ogni appello, ma per l’onorevole Doukh è solo questione di tempo e la Tunisia vincerà la causa e i rifiuti verranno riportati alla destinazione originaria.

Il ministro ha indicato che la Tunisia sta lavorando al rilascio di garanzie finanziarie per 6,8 milioni di euro. A tal proposito, ha ringraziato l’ambasciatore della Tunisia in Italia, Moez Sinai, per il grande impegno profuso, soprattutto fornendo informazioni dettagliate.

Da parte sua, l’ambasciatore italiano in Tunisia, Lorenzo Fenara, ha affermato che sia la Tunisia che l’Italia sono vittime di queste due società violatrici che hanno messo in imbarazzo il suo paese, secondo il ministro ad interim per gli Affari locali e l’ambiente.

Kamal Doukh ha anche segnalato che era stata intentata una causa civile contro la società italiana, e che le autorità tunisine avevano notato da tempo un cambiamento della situazione e il desiderio da parte sua di accelerare il caso.

READ  More than 760,000 pounds of retrieved hot pockets, which may contain "bits of glass and plastic."

A ricordo dei fatti, una società tunisina, dopo aver sfidato le leggi che vietano l’importazione di rifiuti domestici, ha stipulato un accordo con un’azienda italiana per importare 120mila tonnellate di rifiuti all’anno, equivalenti ai rifiuti prodotti dalla Greater Tunis Company per rifiuti domestici. 15 giorni per 48 euro la tonnellata (circa 150 dinari). L’importo totale del contratto è di circa 18 milioni di dinari all’anno.

Diversi arresti sono stati effettuati in relazione al caso alla fine di dicembre 2020, tra cui il ministro degli Affari locali e dell’ambiente licenziato, Mustafa Laroui, il suo capo del personale, e un certo numero di dirigenti e alti dirigenti, nonché membri della dogana.

Per quanto riguarda i progetti infrastrutturali per le principali strade della capitale, il ministro ha spiegato che l’incrocio dell’aeroporto Tunisi-Cartagine è pronto e che manca il collegamento elettrico per l’illuminazione, e quindi sarà presto aperto al traffico.

Ha notato che il lavoro sull’exchange X2 sta procedendo bene e alcuni hub saranno presto disponibili per il trading.

Il signor Duch ha fatto riferimento a un grande progetto che aveva ricevuto l’approvazione amministrativa per l’avvio: l’ingresso e l’uscita sud della capitale. È un progetto che è costato 350 milioni di dinari per un periodo di almeno 3 anni, che cambierà il commercio a questo livello.

a

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *