La storia dell’ILO è al centro del dibattito!

Il lavoro dell’Organizzazione Internazionale del Lavoro, l’organizzazione internazionale per un lavoroNarrato dai coordinatori del progetto, mette in risalto gli argomenti preferiti dall’organizzazione. Un evento si è tenuto il 21 novembre 2021 alla Fiera internazionale del libro di Tunisi.

Chi dice ILO, parla anche di dialogo e protezione sociale; Ma anche occupabilità, sviluppo locale e lotta al lavoro minorile. o anche immigrazione, lavoro e imprenditoria femminile; Così come l’economia sociale e solidale. Molti gli argomenti trattati durante la Fiera Internazionale del Libro.

Gad Boubacar è il coordinatore principale del progetto Pilot Initiative for Integrated Local Development (IPDLI). Progetto finanziato dall’Unione Europea. Durante una tavola rotonda, ha presentato il mandato dell’ILO. Ripercorrendo la storia della centenaria organizzazione, in generale. Poi soprattutto in Tunisia dal suo arrivo nel 2012 ad oggi.

Da parte sua, Nada Al-Aridi, coordinatrice nazionale dei progetti di dialogo e protezione sociale finanziati dall’Agenzia tedesca per la cooperazione internazionale e dalla Norvegia, ha sottolineato l’importanza di questo tema. Questo segna l’inizio dell’intervento dell’ILO in Tunisia.

Secondo lei, il dialogo sociale è più che necessario. Inoltre, include tutte le forme di negoziazione o solo lo scambio di informazioni. E questo tra rappresentanti dello Stato, datori di lavoro e lavoratori; Su questioni di interesse comune relative a
Politica economica e sociale.

La storia dell’Organizzazione Internazionale del Lavoro in Tunisia dalla sua istituzione

Inoltre, Honoré Bois Bé era presente durante questa commissione. È il coordinatore principale del progetto “Insieme contro il lavoro minorile in Tunisia” (Protezione). Questo programma è finanziato dal Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti. Ha sottolineato l’importanza delle leggi relative al divieto del lavoro minorile. Oltre a questo progetto, che contribuisce all’attuazione del piano d’azione nazionale per combattere il lavoro minorile in Tunisia.

READ  Gli Stati Uniti rinunciano alla vendetta su alcuni paesi europei

Da parte sua, Mohamed Belarbi, coordinatore capo del progetto “Supporting Fair Migration to the Maghreb” (AMEM), ha proseguito questa ricca discussione. Amen finanziato dalla Cooperazione Italiana. E questo, con uno dei temi più emblematici dell’organizzazione: immigrazione e lavoro. Pur ricordando la necessità di assicurare la continuità della tutela a tutti i lavoratori migranti in partenza e in arrivo dai Paesi del Maghreb da un lato; E la fragilità del contesto attuale, d’altra parte.

Amira Benotman, Principal Coordinator dei progetti Rural Women’s Economic Empowerment (AFERE), ha parlato del mondo dell’imprenditoria femminile. Secondo lei, per avere successo nell’imprenditoria in tutte le sue forme, è necessario disporre di dati e strumenti. Così come dobbiamo riuscire a sostenere le persone che vogliono progredire.

Verso una maggiore emancipazione delle donne nelle aree rurali di Sfax e Nabeul.

Ciò significa creare una prima rete e stabilire un quadro giuridico e sociale per queste donne.

A conclusione di questa Tavola Rotonda è stato svelato un tema attuale di Economia Sociale e Solidale. Youssef Belhassen Fneira, coordinatore principale del progetto “Avanzare l’economia sociale e solidale e creare opportunità di lavoro dignitose per i giovani tunisini” (JEUN’ESS) è l’ideatore del progetto. Nel suo passaggio ha sottolineato l’importanza di questa croce. Ha sottolineato che l’economia sociale e solidale può essere questa alternativa e che c’è un modo per avere successo se tutti gli sforzi sono combinati.

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *