La staffetta mista canadese è arrivata ottava in casa

Incoraggiati dal pubblico di Montreal, Jeremy Briand e Amy Legault hanno affrontato la loro prima tappa della World Triathlon Series durante la staffetta mista del Groupe Copley World Triathlon Championship domenica a Old Port Montreal.

Legault e Briand hanno unito le forze con gli ontariani Kira Gupta Balthazar e il colombiano britannico Brock Howell in una super gara molto combattuta. I quattro atleti hanno nuotato per 300 metri, pedalato per 6,6 km e corso per 2 km.

Il diciannovenne Gupta Balthazar è stato il primo canadese a giocare. In testa alla fine della nuotata, è rimasta priva dei gruppi formati dalla moto ed è scesa al settimo posto prima di vedere Hoel prendere il sopravvento.

Al contrario, i canadesi hanno faticato a risalire la classifica, soprattutto con i cechi e gli australiani. Tuttavia, il divario si è ampliato per Legault una volta entrato in gara. L’ultimo tedoforo in formazione, Jeremy Briand ha tagliato il traguardo in ottava posizione e ha fermato il cronometro a 1h28m8sec.

La prestazione che Aimee Legault considera ancora come tifosa della giovane squadra è prevista per questo fine settimana a Montreal.

“È comunque un buon risultato data la nostra giovane età come squadra, ma anche la nostra esperienza meno significativa”, ha detto Legault, che ha lavorato con l’australiana Natalie van Coevorden durante la gara. “Ho fatto di tutto per rimanere il più vicino possibile alla corsa, ma purtroppo c’era un piccolo distacco”.

Soddisfatto anche Jeremy Briand dopo aver tagliato il traguardo tra gli applausi degli spettatori raccolti sulla superficie dell’ampio marciapiede.

“Volevo dare il massimo. Alla staffetta bisogna aspettarsi tante incognite, soprattutto quando si parte dalla fine. Non sappiamo in che situazione ci troveremo. Oggi ho corso per lo più da solo. Fa parte della staffetta e bisogna essere sempre pronti”.

READ  Browns 'Miles Jarrett denies that his team-mates were looking for talent amid Patrick Mahomes' injury.

Ben presto, i rappresentanti degli Stati Uniti, della Nuova Zelanda e dell’Italia hanno formato il gruppo di testa durante la gara e hanno combattuto per varie medaglie. Alla fine, sono stati gli americani ad avere l’ultima parola per vincere la medaglia d’oro. Hanno segnato un tempo di 1 ora e 25 minuti e 27 secondi, seguiti dai neozelandesi (+5 secondi) e dagli italiani (+19 secondi).

esperienza indimenticabile

La partecipazione a una competizione del genere per la prima volta nella sua carriera è già un momento decisivo per un’atleta. Vivere tutto a casa, davanti ai propri cari, ha reso tutto speciale per Emy Legault.

“È stato davvero fantastico. C’erano persone che tifavano per noi durante tutto il corso e gridavano ‘Vai in Canada!’ Ho adorato il corso. Tutti erano felici e avevano un’energia così positiva.

L’atleta dell’Île-Perrot ha apprezzato anche la gara sprint della capitale. “È veloce, è breve. Lo adoro e ci permette di percorrere una distanza leggermente diversa da quella a cui siamo abituati”.

Legault ha partecipato alla Coppa del Mondo a Montreal in passato, ma per Jeremy Briand è stata la sua prima competizione internazionale all’Old Port, compresa la gara di singolare di venerdì.

“Per tutti i tipi di motivi, non ho potuto partecipare negli ultimi anni. Ha detto che ero entusiasta di continuare fino a quando non fossi stato lì e avessi compiuto la sua missione. È stato speciale! Correre di fronte ai miei amici e alla mia famiglia, A 15 minuti da casa mia, è un’opportunità che aspettavo da tanto. Sono soddisfatto “veramente”.

Venerdì, Jeremy Bryan è stato fermato nel replay dell’evento dei singoli. La top ten è passata al turno successivo e il Quebec ha chiuso all’undicesimo posto, a due secondi dal decimo posto.

READ  Bel regalo di compleanno per Janic Sener

“Mi è dispiaciuto non aver raggiunto la finale di sabato. Non l’ho quasi mancata. Questa è l’esperienza su cui conto per il resto della mia carriera”.

Chi è arrivato nono alla Coppa del Mondo Huatulco in Messico lo scorso giugno rimane ottimista per i prossimi anni.

“È un formato in cui sono sempre stato forte, ma sono le lacune e i dettagli che fanno la differenza. È soprattutto una questione di esperienza e mi manca un po’. Penso che in futuro questo sia il formato che potrebbe funzionare per me.”

Jeremy Briand gareggerà nelle finali del campionato mondiale il prossimo fine settimana a Edmonton. Emy Legault riprenderà a lavorare a settembre, durante i Mondiali in Repubblica Ceca.

You May Also Like

About the Author: Fina Lombardi

"Fanatico della cultura pop. Ninja zombi estremo. Scrittore professionista. Esperto di Internet."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *