La scienza spiega gli effetti molecolari della caffeina sul cervello

I ricercatori del CNRS e del Lille Neuroscience and Cognition Laboratory hanno appena decifrato i meccanismi molecolari che mostrano gli effetti della caffeina nel nostro cervello.

Il loro lavoro di laboratorio sui topi è stato pubblicato su The Journal of Clinical Investigation e rafforza l’idea che la caffeina possa avere un effetto benefico sulla funzione cognitiva.

Quindi il team di ricercatori ha dimostrato questo effetto molecolare della caffeina sul cervello, e più specificamente sull’ippocampo.

Così la caffeina rende possibile, ovviamente in dosi ragionevoli ea lungo termine, la prevenzione delle malattie neurodegenerative e il miglioramento delle capacità cognitive e della memoria.

La caffeina è un alcaloide, cioè una sostanza organica di origine vegetale che ha un forte effetto, sia tossico che terapeutico. Rientra nella stessa categoria della morfina o del chinino.

La caffeina ha molti vantaggi come stimolare l’attenzione, alleviare il mal di testa e ridurre il rischio di depressione stimolando la produzione di serotonina e dopamina, ma riduce anche il rischio di infarto e ictus.

David Bloom fa parte del team di ricercatori che hanno mostrato gli effetti molecolari della caffeina nel cervello. Spiegano.

READ  Riconnetti corpo e mente con un'alimentazione intuitiva

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.