La polizia neozelandese identifica i resti di bambini trovati morti nelle valigie

Venerdì, la polizia neozelandese ha detto che la polizia neozelandese aveva localizzato i resti dei due bambini trovati morti in sacchi d’asta, ma che i loro nomi non sarebbero stati resi noti su richiesta delle loro famiglie.

L’ispettore investigativo Tufilau Famanuya Valois ha affermato che le autorità hanno deciso di non divulgare alcuna informazione che possa rivelare l’identità dei bambini.

• Leggi anche: I resti di due bambini sono stati trovati in valigie vendute all’asta in Nuova Zelanda

• Leggi anche: La polizia sudcoreana individua i bambini nelle vicinanze trovati morti nelle valigie

La polizia continua a indagare sulle morti che hanno scosso la Nuova Zelanda da quando i corpi sono stati trovati in due valigie due settimane fa.

Per questa scoperta scioccante, una famiglia ha dovuto acquistare un rimorchio carico di articoli venduti all’ingrosso in un magazzino.

Secondo la polizia, i bambini sono morti tra i cinque ei dieci anni.

La polizia neozelandese afferma che la famiglia dietro la scoperta non ha nulla a che fare con la morte dei due bambini.

La polizia di Seoul, in Corea del Sud, ha dichiarato lunedì di aver trovato una donna ritenuta parente dei due bambini morti.

La polizia di Seoul ha detto che è arrivata in Corea del Sud nel 2018 e da allora non ci sono indicazioni che abbia lasciato la zona.

READ  Washington e i suoi alleati accusano i talebani di eseguire "brevi esecuzioni" di ex agenti di polizia

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.