La morte di Jean-Louis Trentinant, uno dei monumenti del cinema

Basta un semplice sguardo al suo film per far girare la testa a chiunque. Sofferente di cancro dal 2017, l’attore Jean-Louis Trentinant è scomparso il 17 giugno all’età di 91 anni “pacificamente, dalla vecchiaia, […] disse il suo agente.

Durante la sua lunga e fortunata carriera, è stato protagonista di molti capolavori, tra cui zdalla Costa Gavras , corrispondenzaScritto da Bernardo Bertolucci, la mia notte in modScritto da Eric Romer e l’amoreScritto da Michael Haneke. Ha recitato anche sul palco, avendo sua figlia Mary Trintinant come partner superstar di lunga data, morta dopo una faida coniugale nel 2003.

Jean-Louis Trintignant è nato nel 1930 nel sud della Francia. Figlio di un industriale e politico locale che sarebbe diventato un membro della Resistenza durante la seconda guerra mondiale, vide sua madre “volare” al momento della liberazione perché aveva una relazione con un soldato tedesco.

Verso la fine del conflitto, nel 1944, scoprì Jacques Prevert, ma nonostante fosse improvvisamente affascinato dalla poesia, in seguito si unì alla legge. Ma niente aiuta. Così, quando si assiste a uno spettacolo avaroPer Moliere, tira i dadi: farà l’attore. È anche affascinato dal cinema, nutre il sogno di diventare regista, quindi studia entrambe le discipline in parallelo.

Raccoglie i suoi incarichi sul palcoscenico dalla fine della sua formazione, nel 1950-1951, mentre fa lavori extra nel cinema, dove finisce per ottenere dei ruoli secondari. La fama cadde su di lui nel 1956 quando, in uno dei suoi primi ruoli importanti, interpretò Brigitte Bardot. la pellicola, E Dio creò la donnaScritto da Roger Vadim Sulphur, è un successo internazionale. Qualsiasi successo cambia irrimediabilmente il corso di Trintignant, che in seguito è diventato un attore molto popolare. Poi, in una relazione con l’attrice Stephan Audran, ha una relazione con “BB”: è una pausa.

dedizione

Tuttavia, la vera dedizione cinematografica non si è verificata fino a 10 anni dopo, nel 1966. Quell’anno, Jean-Louis Trentinant è apparso in non meno di cinque film, incluso il film storico di successo Parigi sta bruciando?Di Rene Clément sul montaggio e soprattutto, un uomo e una donnaScritto da Claude Lelouch, o Una storia d’amore tra una vedova e una vedova (Anouk Aimee). Con la musica di Francis Lai, il film è stato un successo mondiale.

READ  Il blues schiaccia l'Italia nella partita inaugurale!

Dagli anni ’60, ricorderemo anche il poliziotto Assassini di cabina (1965), primo film di Costa Javras, suspense psicologica Filatoredi Claude Chabrol (1968), dove fa pace con Audran, già citato la mia notte in mod (1969), il trionfo internazionale di Eric Romer, e il culto occidentale grande silenzio (1967), di Sergio Corbucci.

Inoltre, dal 1962 il film vanagloriosodi Dino Rizzi, Jean-Louis Trentinant gira regolarmente l’Italia, ad esempio a Giallo Così dolce e così perversodi Umberto Linzi. Si diverte così ad alternare tra film d’autore e produzioni di carriera commerciale, anche se il primo finisce spesso con un successo inaspettato.

Alla fine del decennio, incontra Costa Gavras per le emozioni politiche zVincitore dell’Oscar al miglior film straniero e al miglior attore a Cannes. In una relazione con la regista Nadine Trentinant dal 1960, ha girato più volte sotto la sua direzione, in particolare in amore mio amore mio (1968), in cui la loro figlia Mary Trentignan ha debuttato all’età di quattro anni.

Gli anni Settanta sono iniziati con il botto corrispondenza, di Bernardo Bertolucci, coproduzione tra Francia e Italia. Come uomo, mosso da un irrefrenabile bisogno di affiliazione sociale, di conformismo e abbracciato l’ideologia fascista, Jean-Louis Trentegan è stato sorprendente. In privato, però, l’attore e la moglie attraversano l’inferno: Pauline, la loro figlia di 10 mesi, muore nel sonno.

nel gruppo Dalla parte di Uzis. Interviste ad Andre Asio (2012), Jean-Louis Trintinant ammette: “Una mattina, mentre stavo partendo per le riprese, sono andato a baciare Pauline sul nascere. Era morta, non sappiamo come. Ho detto a Nadine: o ci uccidiamo o accettiamo di vivere per Marie.

READ  Questo tipo di TikTok con i video di "Life Hack" è apparso nell'annuncio Desi e Internet è impazzito

La vita e Maria prevalgono. Nel 1973 la coppia ebbe un figlio: Thomas.

Truffaut, Hubert, Haneke

Negli anni successivi, Jean-Louis Trentinant ha trovato i suoi registi preferiti: Clément, Lelouch, Rob Grill… il suo incontro con Michel Deville per pecora arrabbiatadove interpreta un delirante presuntuoso al fianco di Romy Schneider, è fondamentale, e i due uomini faranno squadra ancora una volta per acque profonde (1981), con Isabel Hubert, da Patricia Highsmith. Verso la fine del decennio fu più attratto dal palcoscenico che dalla macchina da presa, rifiutando due proposte hollywoodiane: il ruolo del professor Lacombe in Incontri ravvicinati del terzo tipo (Incontri del terzo tipo1977), di Steven Spielberg, che affiderà il ruolo a François Truffaut, e il ruolo di giornalista in Adesso la fine del mondoScritto da Francis Ford Coppola.

Durante gli anni ’80, è stato in tournée non meno di tre volte con il regista italiano Ettore Scola (porticoE il Passione per amoreE il La notte di Farine), poi collabora con François Truffaut, Beh, per quale sarebbe la canzone del cigno per quest’ultimo: Police Comedy Vivi domenica! (1983) con Fanny Ardant. Tra il 1982 e il 1985 distribuzioni di successo mafioso Grande perdonodi Aleksandr Arkady AppuntamentoE Andre Techini e vattene, tornadi Claude Lelouch. Nel 1986, il seguito diun uomo e una donna D’altra parte, si è rivelato un amaro fallimento (come il fallimento del 2019).

Apparso raramente al cinema negli anni ’90, ha associato opere teatrali e spettacoli di poesia come le poesiecon la figlia Marie, dedicata a Guillaume Apollinaire.

Tuttavia, è presente nei titoli di coda di una manciata di film memorabili come Grazie vita (1991), di Bertrand Blair, Tre colori. rosso (1994), di Krzysztof Kieslowski, Guarda gli uomini cadere (1994), di Jacques Audiard, o anche Città dei bambini perduti (1995), di Marc Caro e Jean-Pierre Junet.

READ  Il Buco: Immersioni sotterranee

Dopo la tragedia

Nel 2003, la morte di Marie Trentinant, picchiata a morte dal marito, il cantante Bertrand Cantat, l’ha costretta a ritirarsi dal cinema.

In seguito ha detto: “Avrei potuto fermare la mia vita in quel momento”. UPS. “Devo smettere, ma non voglio. I momenti più felici della mia vita sono quando lavoro e faccio teatro”. Con l’incoraggiamento della sua famiglia, è tornato sul palco nel 2005.

Tuttavia, non tornerà sul grande schermo fino a otto anni dopo, nel 2012, con l’amoreScritto da Michael Haneke. Come due 80enni con la malattia, Emmanuel Riva ed Emmanuel Riva sono disturbati. Il film lo avvicina anche a Isabelle Hubert. Dopo la Palma d’Oro a Cannes, tocca a Cesar: Miglior Film, Miglior Regista, Miglior Attore, Miglior Attrice e Miglior Sceneggiatura. Nel 2017, Trintignant, Huppert e Haneke hanno suggerito Lieto fineun ostinato critico degli ambienti borghesi.

Quell’anno, ha annunciato di figaro “Vado come un uomo il cui futuro è un po’ bloccato, un uomo che dice ostinatamente poesia, eppure chissà che la poesia non conta molto in questo mondo. La poesia è importante solo per pochi illuminati, è la mia immaginazione. Mi hai sempre accompagnato, e hai sempre trovato conforto nella lettura di poeti, e con Perché so che bisogna imparare a vivere senza consolazione”.

Nel 2018, Jean-Louis Trentinant è apparso sulle tavole per un’ultima performance poetica, in cui ha letto, tra le altre cose, il suo amato Prevert.

Tuttavia, in questo giorno di lutto, mi vengono in mente i versi di Apollinaire: “Ho scelto questo pezzo di erica / L’autunno è morto, ricorda / Non vedremo più sulla terra / L’odore del tempo è un po’ di erica / E ricorda che io ti sto aspettando.”

Vediamo nel video

You May Also Like

About the Author: Drina Lombardi

"Analista. Creatore. Fanatico di zombi. Appassionato di viaggi. Esperto di cultura pop. Appassionato di alcol".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.