La guerra in Ucraina: cosa sono gli oligarchi russi?

Sono oggetto di sanzioni economiche da parte dell’Unione Europea, così come il presidente Vladimir Putin. L’oligarchia russa è stata in prima linea sulla scena internazionale dall’inizio della guerra tra Russia e Ucraina. Ma chi sono veramente?

termine bisignificato

La parola oligarchia deriva dal greco “oligos” che significa piccolo, e “arkhê” che significa comando. Quindi, un’oligarchia è, letteralmente, un modello di governo in cui il potere è distribuito tra le élite. Quindi, l’oligarchia sono quelle élite che hanno un certo controllo sulle decisioni economiche e politiche indirette di un paese, qui la Russia.

Oggi, il termine “oligarca” si riferisce piuttosto a ricchi uomini russi, che possiedono tutti uno yacht, hanno grandi fortune e gravitano attorno al presidente della Russia, Vladimir Putin.

Una classe sociale emersa negli anni Novanta

Le oligarchie sono emerse di recente in Russia, con la fine dell’URSS intorno al 1987. Per creare un’economia virtuosa, la Russia ha deciso di privatizzare alcune società statali vendendole a prezzi relativamente ragionevoli, principalmente nei settori petrolifero, del gas, minerario e anche dei media, ha spiega La prossima Russia.

Poi sette uomini ricchi comprarono queste compagnie. Sono infatti diventati uomini influenti nella politica e nell’economia del loro paese.

Nel 1996 Boris Eltsin è stato rieletto presidente della Russia. Per i russi, furono questi pochi a poterlo eleggere per un secondo mandato. A quel tempo, i Sette Uomini controllavano metà dell’economia del loro paese e avevano una certa influenza sulle decisioni politiche.

Gli oligarchi russi esistono ancora

Dopo che Boris Eltsin si dimise nel 1999, Vladimir Putin salì al potere e invitò gli oligarchi russi all’ordine. Nel 2003, Mikhail Khodorkovsky, che ha fatto fortuna con il petrolio, è stato arrestato con l’accusa di frode, riciclaggio di denaro e appropriazione indebita. Essendo l’uomo più ricco del paese, questo arresto ha portato gli altri pochi in armonia. La maggior parte di loro è stata arrestata, condannata o addirittura esiliata.

Alcuni leader politici russi oggi spiegano che non esiste più alcuna oligarchia nel senso originario del termine. Tuttavia, c’è una nuova generazione, all’interno dell’Unione degli Industriali e degli Imprenditori, chiamata anche “Lobby degli Oligarchi”.

Questi nuovi oligarchi, che sono più di 500, non traggono tutti la loro fortuna dalla privatizzazione delle società alla fine degli anni ’80. ), ex agenti del KGB (l’agenzia di intelligence russa di cui Vladimir Putin era membro) o proprietari di prestigiose squadre di calcio.

Se la maggior parte di loro deve la sostenibilità della propria fortuna alla politica stabilita dal Presidente della Russia, non tutti fanno parte della sua cerchia ristretta. Pertanto, alcuni di loro, come Vladimir Medinsky o Sergei Shoigu, sono membri del governo russo e possono quindi consigliare il presidente su alcune di queste decisioni. Dal primo decennio del 21° secolo, Vladimir Putin ha nominato persone affidabili in questi incarichi.

READ  Gli esportatori francesi e italiani sono molto preoccupati per i rischi legati alla guerra

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.