La dipendenza dai social network è legata a problemi comportamentali

primario

  • I disturbi comportamentali includono agitazione, aggressività, fobie, disturbi alimentari e iperattività o dipendenza.
  • Ogni ora trascorsa a guardare la TV, i videogiochi, le videochiamate e l’invio di messaggi di testo è associata a una prevalenza del disturbo ossessivo-compulsivo (DOC) dal 14% al 21% in più.

In ricerche precedenti, è stato dimostrato il legame tra il tempo passato davanti allo schermo dei bambini e i problemi comportamentali. Tuttavia, non hanno distinto tra i tipi di utilizzo dello schermo o ne hanno testato solo uno, come i videogiochi. Ecco perché gli scienziati dell’Università della California (USA) hanno pubblicato una pubblicazione sulla rivista Giornale di psicologia e psichiatria infantile.

Uso dello schermo: sono stati analizzati 11.875 adolescenti

Come parte di questo studio, hanno analizzato i dati della coorte Adolescent Brain Cognitive Development, che comprendeva 11.875 bambini di età compresa tra 9 e 11 anni. Ogni giovane partecipante ha riferito quante ore al giorno ha trascorso su sei diversi tipi di schermi: guardare programmi TV o film, guardare video (come YouTube per esempio), giocare ai videogiochi, inviare messaggi di testo, effettuare videochiamate e controllare i social network. Come Instagram. Un anno dopo, i ricercatori hanno valutato i problemi comportamentali degli adolescenti. Come promemoria, questi disturbi sono anomalie nel modo in cui agiamo e reagiamo.

4 ore al giorno trascorse davanti agli schermi

Secondo i risultati, i volontari hanno riferito di aver trascorso una media di 4 ore al giorno davanti a schermi che trasmettono programmi TV o film (in media 1,3 ore), giocando ai videogiochi (1,1 ore) e guardando video su diverse piattaforme (1 ora). “Studio delle soglie, l’esposizione a più di 4 ore di tempo davanti allo schermo al giorno è stata associata a una maggiore prevalenza di disturbo della condotta (69%) e disturbo oppositivo provocatorio (46%)” Nota gli autori.

“Ogni ora di tempo trascorso davanti allo schermo al giorno era associata a una prevalenza del 7% in più di disturbo della condotta e a una prevalenza del 5% in più di ODD a un anno di follow-up”, Possiamo leggere nello studio. Secondo il team, ogni ora trascorsa sui social media al giorno era associata a una prevalenza del 62% in più di disturbo comportamentale.

Social network: “I bambini possono essere esposti a contenuti violenti”

“I social media possono incoraggiare il bullismo e l’aggressività. I ​​bambini possono essere esposti a contenuti violenti su queste piattaforme attraverso gli annunci, anche se non li cercano. Gli algoritmi restituiscono contenuti più inquietanti e i bambini possono rimanere bloccati in cicli tossici”, Jason Nagata, autore principale dello studio, ha detto dichiarazione.






















READ  I ragni usano la loro tela per ascoltare meglio

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.